Berberè Corso Porta Ticinese Milano: la nuova pizzeria con il primo Mikkeller bar in Italia

Il nuovo locale milanese dedicato alla pizza artigianale ospita al suo interno un corner della brew firm danese, il primo Mikkeller bar in Italia. Scoprite tutto su Globe Styles

Berberè Corso Porta Ticinese Milano – Ha inaugurato a Milano, in Corso di Porta Ticinese 1, la quarta pizzeria Berberè. La novità è la presenza all’interno del locale del primo Mikkeller Bar in Italia. Mikkeller, brew firm fondata nel 2006 a Copenhagen da Mikkel Borg Bjergsø, si è fatta ben presto conoscere fuori dei confini danesi per il suo approccio innovativo alla produzione birraria, grazie alla collaborazione con alcuni fra i birrifici più creativi al mondo. Mikkeller ha contribuito così a riscrivere la storia della birra artigianale contemporanea come Berberè ha fatto con la pizza in Italia.

Novità importante nel menù di questo locale è l’inserimento delle montanare di Berberè, pizze fritte con impasto Berberè in tre varianti: “Pomodoro, parmigiano reggiano e basilico”, “Stracciatella e crudo di Norcia” e “Pomodoro, bufala, acciughe e origano”.

Berberè e Mikkeller sono una combo perfetta, pronta a creare nel cuore di Milano una atmosfera unica in Italia. All’interno del nuovo locale saranno disponibili 10 birre alla spina e una selezione di birre in bottiglia e lattina, perfette per accompagnare le pizze con lievito madre realizzate artigianalmente dai pizzaioli dell’insegna o per essere bevute da sole.

E’ possibile trovare proposte sempre nuove per soddisfare tutti i gusti e sperimentare possibili combinazioni con le pizze Berberè, per la clientela appassionata di birra ma anche per quella semplicemente desiderosa di sperimentare: Pilsner, Pale Ale, Hazy IPA, birre a fermentazione spontanea, Wild Ale, birre alla frutta, Stout e tanti altri stili.

Ci sono ad esempio birre Pilsner dallo stile popolare, come la Water Series, serie di birre in stile tedesco realizzate con diverse fonti di acqua, per confrontare come cambia il sapore in base alla diversità di un solo, ma cruciale, ingrediente come l’acqua; la Vesterbro Wit, birra bianca nata nel quartiere trendy di Copenhagen; la Green Gold IPA, in cui il luppolo americano è aggressivo ma mitigato dalle note di caramello e agrumi.

Le spine sono in grado di soddisfare anche i più curiosi, con selezioni quali la Hallo Ich Bin Berliner Weisse Raspberry, realizzata con l’aggiunta lamponi durante il processo di birrificazione. Non mancano le chicche, tra cui birre spontanee come la Sour Ale Spontancherry Frederiksdal, realizzata con le ciliegie di un pluripremiato contadino dell’isola Lolland nell’estremo sud della Danimarca, e invecchiata in botti di rovere. La selezione segue lo stesso schema anche per le lattine e le bottiglie, tra cui non manca una proposta con basso contenuto alcolico, la Drink’in the sun, Wheat Ale in stile americano dal sapore di pesca e pompelmo con note erbacee, ideale da bere con il giusto sottofondo musicale mentre si guida al tramonto, ma ottima anche per una pausa pranzo fresca e gustosa.

Ogni pizzeria del brand ha un progetto architettonico site specific, realizzato da Comunicattive e Studio Rizoma Architetture, due realtà bolognesi che hanno collaborato alla realizzazione creativa e del design interno anche dei precedenti locali. Ogni locale ha una propria identità unica, forgiata con l’obiettivo di essere un luogo che contribuisce in modo significativo al quartiere e alla comunità locale.

La nuova pizzeria nei pressi della colonne di San Lorenzo ospita 90 coperti in un ambiente completamente ristrutturato distribuito in due grandi sale. L’intonaco è stato eliminato per dare luce al mattone grezzo, mentre la boiserie color senape contribuisce a scaldare gli interni. L’utilizzo di colori caldi del legno delle sedie e del bancone, insieme al tessuto color ruggine scelto per le panchine lungo le pareti, rende l’ambiente accogliente e confortevole. La cucina è a vista, altro elemento caratteristico dello stile Berberè, che pone al centro la trasparenza nella preparazione della pizza.

Ovviamente grande importanza in questa location assume il bar, sintesi della contaminazione dei due brand sotto il punto di vista del design. Importante il muro delle birre tipicamente mikkelleriano con la grande lavagna per descrivere le proposte di birra del giorno e i rubinetti che spuntano direttamente dalla parete.

Non poteva mancare il wall-painting, elemento presente in tutti i locali dell’insegna. Le visual artists TO/LET, già autrici delle opere presenti in altri locali del gruppo, sulle pareti della nuova pizzeria milanese hanno realizzato un’opera su due muri frontali raffigurante un gioco divertito e ironico tra due bambine: una si nasconde il viso dietro un piatto con l’immagine di un’emoji sorridente, l’altra guarda con delle lenti 3d a molle, evocando un dialogo di sguardi, tra nascondersi e mostrarsi, interrompere e ricomporre la vista. Le grafiche del locale ripropongono lo stile Berberè, caratterizzato da un immaginario vintage con foto in bianco e nero montate, con la tecnica del collage, su colori accesi e vividi.

Con la nuova apertura di Milano Colonne, Berberè conta oggi 12 pizzeria in Italia (Milano, Torino, Firenze, Roma, Verona, Bologna e Castel Maggiore) e 3 a Londra. Tutti i giorni nei locali Berberè si serve una pizza artigianale realizzata da lievito madre vivo, stagionale, leggera e gustosissima ad un prezzo accessibile.

Berberè Pizzeria Milano Colonne
Corso di Porta Ticinese 1
lunedì alla domenica
dalle 12.00 alle 15.00
dalle 18.30 alle 23.30
fino a mezzanotte venerdì e sabato