Campari Soda collezione Design Connection: l’iconica bottiglietta reinterpretata “Senza Etichette”

Campari Soda collezione Design Connection: il primo appendiabiti #SenzaFronzoli, una lampada #SenzaMaschere e un orologio #SenzaFretta.

Campari Soda collezione Design Connection – È stato svelato l’ultimo dei tre oggetti della #DesignConnection, l’iniziativa Campari Soda di grande successo in cui tre giovani e talentuosi nomi d’eccezione del design hanno progettato altrettanti oggetti che costituiranno una vera e propria collezione #senzaetichette, in puro stile Campari Soda, libera cioè da qualsiasi convenzione e pregiudizio.

Il primo appendiabiti Campari Soda #SenzaFronzoli ideato da Agustina Bottoni in collaborazione con la rete. L’oggetto, dal design minimale e lineare, nasce con l’obiettivo di trasmettere un messaggio di autenticità, di volontà di spogliarsi di tutto ciò che è superfluo, delle innumerevoli sovrastrutture e delle inutili apparenze che la città impone. È infatti, il primo elemento che si incontra quando si esce di casa e quando si rientra, e che ci ricorda che è utile spogliarsi dalle etichette.

Serena Confalonieri ha, invece, realizzato autonomamente la sua lampada #SenzaMaschere, che ha visto reinterpretare la bottiglietta di Campari Soda in un modo molto originale. L’oggetto mostra infatti un volto con fattezze e riferimenti che conducono l’osservatore al mondo artistico di Depero. Un richiamo forte alla storia del brand, concretizzato in una sagoma stilizzata, ma proprio per questo in grado di assomigliare a ciascuno di noi e di restituire così un senso di autenticità in cui rispecchiarsi. Un monito a non indossare maschere, per essere sempre la versione più originale di sè stessi.

Infine, un orologio #SenzaFretta è stato ciò che Matteo Agati ha ideato per la collezione. Lo speciale oggetto, così indispensabile per la nostra quotidianità, non segna le ore della giornata, non dà loro importanza, ad eccezione fatta per quella dell’aperitivo (l’ora senza fretta per eccellenza), evidenziata da una bottiglietta di Campari Soda. Un modo unico e divertente per fermare il tempo per un attimo e far scivolare via tutti i pensieri.

La preziosa collezione #DesignConnection entrerà a fare parte del patrimonio di Galleria Campari a Sesto San Giovanni, luogo dove verrà anche esposta e che rappresenta un viaggio evocativo all’interno del mondo Campari e Campari Soda, nello spazio e nel tempo, tra affiche originali, manifesti, grafiche pubblicitarie e libri d’artista.

#DesignConncection nasce con l’obiettivo di rafforzare e rendere visibile e concreto il forte legame tra Campari Soda e il mondo del design, nato nel lontano 1932. In quell’anno, infatti, Davide Campari – imprenditore illuminato e grande appassionato di arte – creò il primo aperitivo monodose della storia e chiese al futurista Fortunato Depero di disegnare l’inconfondibile bottiglia a forma di calice rovesciato da 9,8 cl.

Campari Soda è quindi da oltre ottant’anni simbolo di autenticità e di vicinanza autentica, priva di maschere e convenzioni sociali per legarsi ad altri individui che condividono uguali valori, sempre #senzaetichette.