Canali Anthology progetto digitale: il viaggio virtuale che racconta la storia dell’azienda

  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale
  • Canali Anthology progetto digitale

Canali Anthology progetto digitale: un progetto digitale che attraverso una raccolta di quasi cento testimonianze racconta la storia dell’azienda.

Canali Anthology progetto digitale: a 85 anni dalla sua nascita, l’azienda per la prima volta si racconta attraverso un itinerario virtuale. I valori e i ricordi della famiglia fondatrice, delle maestranze e dei collaboratori creano un percorso emozionante alla scoperta dell’identità e della storia di marca.

E ispirano le linee guida delle nuove strategie di espansione retail, della digitalizzazione delle campagne vendita e dell’evoluzione nei servizi al cliente. L’itinerario virtuale toccherà sette macro temi: family, vision, crafts, people, places, heritage e Canalipedia.

Canali Anthology progetto digitale: il video

“Siamo contenti di poter lanciare CANALI Anthology, un progetto digitale nativo mobile che attraverso una raccolta di quasi cento testimonianze racconta la storia dell’azienda, valorizza le sue persone e diffonde l’amore per il Made in Italy”, racconta Stefano Canali, amministratore delegato e nipote del fondatore Giovanni.

Canali Anthology è il nuovo progetto multimediale creato dall’azienda brianzola per raccontare, attraverso video, interviste, testimonianze e immagini d’archivio, una sfida iniziata a Triuggio nel 1934 quando Giovanni Canali entra nella piccola bottega di sartoria fondata nel 1908 dal fratello Giacomo. Insieme trasformano il laboratorio in un’impresa che arriva ad impiegare oltre cento dipendenti, un numero considerevole per l’epoca.

Riorganizzate le attività dopo la Seconda Guerra Mondiale, negli anni ’50 arrivano in azienda Giuseppe, Genesio ed Eugenio, figli di Giovanni che con l’intuizione di concentrare la produzione sugli impermeabili, capo di abbigliamento in forte crescita, fanno ripartire l’azienda. Per poi tornare agli abiti maschili con l’arrivo degli anni ‘70, affiancati sul finire degli anni ‘90 da una offerta di casual wear, proprio quando prende il via l’avventura di Canali nel retail su scala mondiale.

Una narrazione intensa, voluta non per celebrarsi ma per testimoniare il coraggio di chi, anche di fronte alle difficoltà, non ha mai fatto venir meno l’impegno all’eccellenza. Canali Anthology accompagna il pubblico di appassionati e addetti ai lavori alla scoperta di una realtà autentica fondata su eleganza, garbo e gentilezza.

Dopo aver collezionato negli anni un know-how impeccabile e una tempra risoluta, Canali offre ora al mondo un catalogo ideale di tutto ciò che definisce e arricchisce l’universo del marchio. E ne identifica i “Best of”, non solo attraverso i prodotti iconici, ma valorizzando le intuizioni e le storie delle persone che li hanno creati. Nel dialogo tra la contemporaneità e la storia si sperimenta una pluralità di formati e linguaggi che restituiscono la cifra stilistica e la densità del mondo Canali.

Si scopre, ad esempio, come l’azienda sia stata la prima in Italia ad acquistare e installare un sistema automatico per tagliare simultaneamente più capi, dando maggiore efficienza alle tradizionali lavorazioni sartoriali. E creando un processo unico per accuratezza e precisione, in cui a guidare le delicate fasi di assemblaggio e finitura sono sempre le mani esperte delle maestranze nei centri produttivi, tutti sul territorio italiano.

Ma anche la filosofia di vita trasmessa di generazione in generazione come spiega Stefano Canali in una vibrante video-intervista: “Forse il miglior consiglio che mi ha dato mio padre è stato quello di non sentirmi mai arrivato. Credo sia un insegnamento fondamentale, soprattutto per chi è imprenditore. È un principio che ancora oggi guida tutte le nostre scelte, spingendoci a innovare e a prefiggerci nuovi traguardi. Senza mai dimenticare che la vera forza arriva dalla gentilezza”.

Nel ripercorrere i momenti chiave dell’azienda, Canali Anthology diventa così fonte di ispirazione, evidenziando la capacità di interpretare i segni del proprio tempo. E ribadisce la ferma volontà di sviluppare progetti pronti a rispondere alle richieste del mercato, come dimostrano i progetti attualmente in corso.

Dopo aver ridefinito nel 2019 i contorni della propria offerta, affiancando ai consolidati segmenti Canali 1934 (che reinterpreta ad ogni stagione i capi iconici del guardaroba maschile e le fantasie tradizionali del nostro patrimonio sartoriale) ed Exclusive (che racchiude la massima espressione dell’eleganza italiana mostrata in dettagli, materiali e tecniche sofisticate) il nuovo segmento Black Edition (ispirato a una vita moderna e dinamica che si manifesta in capi eccezionalmente funzionali e versatili), Canali ha appena espanso la propria rete di negozi diretti con dieci punti vendita in Cina, per rafforzare il dialogo con i clienti finali e per cogliere promettenti opportunità di crescita.

Sempre sul fronte retail, nell’ultimo trimestre 2020 ha in programma l’inaugurazione di un nuovo flagship store nella centralissima New Bond Street a Londra, dove Canali è presente da vent’anni. Mentre il rapporto con il pubblico viene rafforzato attraverso comunicazioni digitali basate su mini video personalizzati con cui gli addetti alla vendita condividono con i clienti abituali le novità di prodotto più in linea con le loro esigenze.