Chanel Haute Couture primavera estate 2020: la sfilata con Pharrell Williams ed Eva Green

Sulle passerelle di Parigi sfila la collezione Haute Couture primavera estate 2020 di Chanel. Scoprite tutti i look su Globe Styles

Chanel Haute Couture primavera estate 2020 – Per la sfilata di alta moda primavera estate 2020 di Chanel, Virginie Viard ci invita in un luogo ispirato al giardino del chiostro dell’Abbazia di Aubazine. Un luogo, in cui Gabrielle Chanel ha trascorso una parte della sua infanzia, in cui avrebbe nutrito i codici estetici e stilistici della grammatica di Chanel: il pavimento con diversi motivi a stella, le vetrate e i motivi geometrici intrecciati, il rigore del bianco e nero, i colletti e le camicie degli allievi. Tutti questi elementi sono sottilmente incastonati nelle silhouette di questa collezione insiti di un fascino giovane, con scarpe con lacci o stringate, indossate con collant bianchi.

Chanel Haute Couture primavera estate 2020: il fashion show

Abiti dritti in lana bicolore o tweed, con le pieghe piatte, le cinture intrecciate, i colletti in piqué di cotone o i colletti Bertha impreziositi da ricami che riecheggiano le pietre lastricate o le vetrate di Aubazine, che evocano l’abbigliamento delle scolarette. I cappotti doppiopetto con le gonne in tweed condividono lo stesso spirito estetico.

Allacciati con bottoni gioiello incastonati con stelle o fiori, rifiniti con trecce, con il collo alto o piegato sul retro, gli abiti in tweed beige sono indossati alternativamente a gonne svasate o velate in tulle. A volte enfatizzati da corde intrecciate, con colori naturali, emanano un fascino unico di campagna.

Motivi grafici ispirati alle vetrate colorate avvolgono un abito interamente ricamato con paillettes in toni pastello opaco, mentre le pietre per pavimentazione sono riproposte su paillettes in avorio opaco ricamate sugli abiti. La purezza delle linee è inoltre delineata su lunghi cappotti: uno in tweed rifinito con un collo a balze ricamato, altri in crêpe completamente ornati da un pizzo floreale ecru. Un altro con un colletto di pelerine, è interamente tessuto da nastri di organza a trama semplice bianca e percalle, che formano un motivo a spina di pesce. La freschezza del percalle ritorna su un abitino bicolore in seta, con paillettes sul retro.

A poco a poco l’elegante austerità lascia il posto a una leggerezza aggraziata: un grande mantello in taffetà avorio sopra un abito in taffetà blu navy, un abito a strati in crêpe impreziosito da una cintura trompe-l’oeil ricamata interamente con paillettes dalla House of Lesage indossata con un giacca bolero con maniche a kimono, top e gonna in seta floccata avorio ricamata con effetto pavé di paillettes opaco. Una gonna a ruota in tweed è accompagnata da una giacca corta ricamata con piccoli pezzi dipinti a mano come frammenti di vetrate e un mantello ricamato con motivi ispirati alle pietre del selciato dell’abbazia. Una gonna lunga è abbinata a una giacca blazer in tweed di paillettes nera con collo alla Bertha in piqué di cotone.

Giochi di trasparenza sono evidenti negli abiti piumati. Tra i loro strati di sottogonne in tulle di seta bianco e nero, rivelano una costruzione raffinata e molto leggera, proprio come un vestito in cigalina ricamato con fiorellini. Abiti in pizzo floreale, occasionalmente ornati con un motivo incrociato, un altro con maniche lunghe e una sottoveste impreziosita da strisce di paillettes grafiche, o in pizzo rosa pallido con decorazioni floreali, diffondono ulteriormente questa delicatezza. Appare anche su un abito in chiffon di crêpe blu scuro riscaldato con una stola in tulle, su una gonna a ruota con tasche a grembiule e su un abito in chiffon nero con una pelerina in pizzo.

Facendo eco al giardino di Aubazine, i fiori vengono reinterpretati con motivi colorati su un abito lungo a pieghe e abbottonato in pizzo e tulle. Come in un erbario, questi delicati fiori vengono catturati all’interno del tulle di abiti ricamati e sbocciano come ricami sotto le balze di organza. Viole del pensiero multicolori fioriscono su un abito senza spalline in chiffon blu mentre mazzi ricamati fioriscono su una gonna di organza grigio-blu indossata con una camicetta di popeline e pizzo.

L’abito da sposa è realizzato in georgette di crêpe, impreziosito da un triplo colletto in tulle e un velo ricamato con rami di glicine. La semplicità di questo abito corto rivela una pura modernità. Quella della donna Chanel: sempre all’avanguardia, audace e senza tempo.

Special guest del fashion show di Chanel creato da Virginie Viard è stato applaudito da Caroline de Maigret, Ellie Bamber, Nana Komatsu, Kristine Froseth, Anna Mouglalis, Pharrell Williams e G-Dragon, insieme a Taylor Russell, Eva Green, Clémence Poésy e Ladj Ly.

credit image by Press Office – photo by Olivier Saillant