Chanel Metiers d’Art 2019 2020: i codici dell’eleganza, la sfilata a Parigi

Tutti i look autunno inverno 2019 2020 della collezione Metiers d’Art. guardate il video e le immagini su Globe Styles

Chanel Metiers d’Art 2019 2020 – Chi non ha mai sognato di salire sulla mitica scala Art Deco al numero 31 di rue Cambon a Parigi, di entrare nell’appartamento di Gabrielle Chanel, di scoprire questo intimo spazio barocco pieno di libri e dei suoi oggetti preferiti, prima di scendere per assistere al favoloso fashion show nel salone?

L’intera atmosfera di rue Cambon 31 è stato ricreato al Grand Palais, per presentare la collezione 2019 2020 Métiers d’Art. Questo indirizzo emblematico, il cuore delle creazioni di moda di Chanel, è stato trasposto nella navata del Grand Palais, trasformato per l’occasione in uno spazio senza tempo. Un luogo estremamente raffinato per una collezione che rende sublimi i codici e il fascino della Maison francese.

“C’è una sorta di semplicità nel tornare all’ABC di Chanel. Non dobbiamo fare troppo”, confida Virginie Viard,”non volevo il solito viaggio a lunga distanza delle collezioni Métiers d’Art, volevo rimanere a Parigi. Quindi, abbiamo dovuto pensare a un nuovo modo di fare le cose. E poi ci sono i codici inventati da Gabrielle Chanel e resi sublimi da Karl Lagerfeld, che mi piace anche confondere tra loro. Mi piace l’idea di un patchwork. Mi piace mettere sempre in discussione il contesto, che non ha nulla a che fare con il modo in cui vivevamo decenni fa: cosa piacerebbe a una donna oggi? Come lo indosserebbe?”

Questa collezione molto contemporanea è l’emblema di un’iconica eleganza ed è rappresentata da tute in tweed talmente raffinate da essere morbide come la maglieria e da giacche corte con bordi arrotondati, indossate con gonne a vita bassa, spaccate sul davanti per liberare le gambe in movimento; e da cinture sottili fatte di catene e perle.

Una piccola giacca nera si abbottona lateralmente, un abito gioca con un decolleté asimmetrico e un lungo treno a punta attaccato ad una spalla, che scorre lungo la schiena. Ispirato a un abito di tweed rosa creato da Gabrielle Chanel nel 1960, la cui fodera era tinta in nero, blu, rosa e malva, qui il melange di tonalità si trova all’esterno del tweed di diversi abiti e su tutto lo chiffon di un lungo vestito, decorato con piume eteree, nonché sulle trecce e sulle iconiche borse della casa, la 11.12 e la 2.55. Infine, la Boy di Chanel e la Gabrielle diventano borse in miniatura che vengono indossate come gioielli.

L’emozione vibra nell’aria mentre le modelle scendono i gradini beige rifiniti di bianco della grande scalinata e attraversano il salone. Cappotti dritti a doppio petto in cashmere nero fine bouclé con cinture di lunghi nastri di chiffon ricamati, nastri e catene in paillettes e perline.

Le silhouettes slanciate si ritrovano in un abito di pizzo nero ricamato, con lo scollo incorniciato con piume, o in un abito diafano di pizzo color perla cosparso di camelie di tulle ricamate in rilievo, accessoriato da una minaudière a forma di gabbia dorata costellata di strass, un riferimento alla gabbia per uccelli presente nell’appartamento di Mademoiselle.

Un lungo abito in raso bianco duchessa dalla linea pura, viene indossato con un mantello, e ancora abiti senza spalline neri a doppio petto e un completo di pizzo color champagne – ispirato al leggendario ritratto di Gabrielle Chanel fotografato da Cecil Beaton nel 1937 – di una sensuale morbidezza che avvolge il corpo come una seconda pelle. La silhouette è punteggiata da un godet nello stesso pizzo che galleggia come una scia di profumo.

Le camelie realizzate da Lemarié diventano sculture e coprono completamente le piccole giacche bomber da sera: una è trapuntata, con fiori di raso duchessa, con strass al centro e indossato con pantaloni con paillettes neri; l’altro è bianco con fiori in seta pongee ricamati come gioielli.

Il bicolore, un altro codice Chanel, è presente nelle scarpe realizzate da Massaro – come le décolleté in pelle dorata impreziosite da piccoli fiocchi – e le tute grafiche che alternano il nero al bianco. Il grano, il nastro, le perle sono ricamati dalla Casa di Lesage su un prezioso abito senza spalline accompagnato da un cappotto di tulle di eccezionale raffinatezza.

Mentre il nero e l’oro sono molto presenti, il rosa appare come uno dei colori chiave della collezione: rosa tenue, albicocca, lampone e persino granato sul tweed di gonne e pantaloni, e anche su una tuta di tweed. Anche l’abito è rivisitato in un raso rosa fucsia, rifinito con una treccia realizzata in un tweed rosa intenso, mentre la gonna, pieghettata sul davanti e dritta sul retro, impone un fascino fluido.

Diafani e regali, sfilano abiti senza tempo, come se fossero stati immersi in un cielo estivo e un abito lungo in chiffon di seta con la gonna interamente a pieghe, con trecce fatte di fiori.

I look sfilano con tantissimi bracciali, collane di perle e strass, pendenti, girocolli con stelle di strass bianchi, mentre le cinture a catena sono impreziosite da fili di perle, fiocchi e camelie.

Dietro questa collezione c’è il costante dialogo creativo tra Virginie Viard e i Métiers d’Art che dura da trent’anni. Una visione di pura magia che, al Grand Palais, all’interno di una vetrina di talismani di Gabrielle Chanel, trascende la nozione stessa di moda per ottenere un intramontabile eleganza, fascino e la bellezza.

Special guest della sfilata: Kristen Stewart, Vanessa Paradis, Lily-Rose Depp, Penélope Cruz, Alma Jodorowsky, Marine Vacth e Yara Shahidi, così come Sofia Coppola, Marion Cotillard, Isabelle Adjani, Carole Bouquet, Angèle, Margaret Qualley e Sébastien Tellier.

Lo spettacolo è stato seguito da una cena a La Coupole, con un’esibizione della cantante belga Angèle e una serata al ballo di La Coupole.