Cividini autunno inverno 2021: un’estetica minimalista fatta di forme lineari

Cividini autunno inverno 2021: capi evergreen, fatti per durare, lontani da logiche effimere. Per un’eleganza discreta con una palette atemporale.

Cividini autunno inverno 2021 – La collezione di Cividini, ad opera di Piero Cividini, CEO e Creative Director del marchio, insieme alla moglie Miriam, è un tributo ad una moda fatta per rimanere in eterno nell’armadio.

Cividini autunno inverno 2021: il fashion digital show

I pezzi chiave di ogni guardaroba – il cappotto, la gonna che sfiora il ginocchio, i pantaloni morbidi, la camicia, e il dolcevita – diventano, grazie a una palette colori discreta e forme lineari, rappresentati di un’eleganza che non si concede colpi di testa e non opta per stranezze.

La visione del marchio, come tempi attuali richiedono, è sostenibile: i materiali sono di grande qualità, la manifattura artigianale, il design rigoroso e minimale, secondo un utilizzo attento, consapevole, responsabile e ciclico, delle risorse.

I tessuti, moltissimi: mouflon di baby lama, panno di lana e cashmere, crepe di lana stretch, flanella super light, velluto stampato a quadri, velluto stampato pitone, velluto millerighe in cotone soft, gabardine in soft cotton mano “calda”, panno in baby alpaca a checks, flanella disegno quadri con over check e raso di poliestere. I filati, preziosi: cashmere plume, lana merino extra fine 2/60, lana supergeelong cardata, lana merino 2/48, cashmere 2/28 e lamé.

L’estetica minimal, oltre che nelle forme, si evince nei colori: prevalentemente monocromo, tra marrone chiaro, beige, nero, panna, bordeaux, blu e bianco si mixano in modi diversi, ma sempre con spontaneità e naturalezza: versione total white, o total black, ma anche white and camel, black and camel, white and grey. Senza dimenticare camel and gray, total blue, total camel, total moka, gray camel and white.

Il cappottino e il bluson in tessuto si abbinano ai bermuda e ai pantaloni ampi mentre il piumino sceglie la gonna plissè per esplorare la femminilità. L’androgino pea coat e le giacche a taglio vivo sono addolcite dalle scelte cromatiche che indugiano sui cammelli e sui bianchi, mentre è il total black rigoroso a firmare l’elegante classicità di spolverini e parka in raso. Le giacche – camicie si alternano ai doppiopetto dalla costruzione precisa e alle giacche in taglio vivo con mix materici caldi e nobili al contempo accanto a piccoli caban e a cappotti di ispirazione militare che regalano un tocco maschile.

I pantaloni hanno spacchi laterali o sono leggermente boot cut, e prediligono la avvolgente matericità della flanella, del velluto millecoste o del soft cotton dalla mano morbida. Il velluto stampato effetto snake rende accattivante il due pezzi dal coté metropolitano.

La costruzione è a teli in flanella superlight o in velluto per gli abiti, gli chemisier hanno dettagli delle maniche in poliestere, da portare soli o abbinati a maglie in cachemire.

Per gli accessori borse, cinture e sneakers in pelle di bovino e cuoio di toro, a completare uno spirito elegante con la raffinatezza della discrezione.