Converse Renew Tri-Panel Chuck 70: la capsule colorata per l’estate 2020

  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70
  • Converse Renew Tri-Panel Chuck 70

Converse Renew Tri-Panel Chuck 70: la capsule colorata usa la tela di cotone riciclato, utilizzando gli scarti del processo di produzione delle calzature.

Converse Renew Tri-Panel Chuck 70 – Un anno fa, Converse ha lanciato Renew per trovare soluzioni per i rifiuti post-consumo e post-industriali utilizzando tessuti upcycled e miscele di tele di cotone riciclato.

La capsule colorata Renew di quest’estate mette in evidenza il processo di Converse con tela di cotone riciclato, utilizzando gli scarti di tela di cotone di avanzo del processo di produzione delle calzature per creare nuove sneaker.

Creata con una miscela di 80% di cotone vergine e 20% di cotone riciclato, l’esecuzione a tre pannelli sulla Chuck 70 prende spunti dai toni della terra come la sabbia, il melone, il grigio e il rosa tenue. Una variante monotona in color Egret usa un filato non tinto per formare il tessuto della tomaia in tela della scarpa (incorpora il 30% di egret e scarti di tela di cotone riciclato bianco con il 30% di PET riciclato e il 40% di cotone vergine).

Presentata con un design sfumato e dai colori tenui, nei tagli Hi e Ox, la collezione Renew Tri-Panel Chuck 70 sarà disponibile su converse.com e presso selezionati rivenditori, in Italia da Antonioli, One Block Down, Pluss, Suede e Superstylin.

Fondata nel 1908, il marchio Converse ha costruito negli anni la reputazione di “America Original Sports Company” ed è conosciuta in tutto il mondo grazie ad un ricco patrimonio di scarpe leggendarie come ad esempio l’iconica Chuck Taylor All Star, l’elegante Jack Purcell e la sportivissima One Star.

Il prodotto più famoso dell’azienda è il modello All Star, ideate nel 1923 da Chuck Taylor, un giocatore di basket professionista, per migliorare il suo gioco.