Dry Milano nuovo cocktail menu: la drink-list contemporanea e il Dry Martini 2.0

Nella nuova carta un mix di ingredienti e tecniche per cocktail dai sapori e dagli accostamenti inusuali. E il locale di Viale Vittorio Veneto anticipa l’apertura per la nuova formula aperitivo: protagonista la pizza fritta napoletana, in versione classica e gourmet. Scoprite tutto su Globe Styles

Dry Milano nuovo cocktail menu – Anno nuovo e nuova carta cocktail per Dry Milano, l’insegna dove gli unici protagonisti sono la pizza, i drink e i loro abbinamenti. Toccare, annusare, bere e stimolare tutti i sensi per aprirsi a nuovi sapori: questa la filosofia del bar manager Federico Volpe che, insediatosi a fine estate, ha impiegato gli ultimi mesi a organizzare e formare al meglio la sua squadra ed è ora finalmente pronto per proporre la sua idea di miscelazione tanto presso il locale storico di via Solferino quanto presso il secondo arrivato di Viale Vittorio Veneto.

La “rivoluzione” passa attraverso 8 nuovi cocktail creati “in laboratorio” – e per questo riuniti nella sezione Made in Dry – che mirano a stupire il palato e promettono un’esperienza di degustazione fuori dal comune. Il risultato è una drink-list contemporanea e dal sapore internazionale, di qualità, che diverte e seduce per il sapiente e attento lavoro sul prodotto e per l’uso di tecniche che regalano accostamenti insoliti, non necessariamente elaborati.

Ogni drink “comunica” a partire da una base diversa e, in linea con la filosofia dell’essenzialità propria di Dry, nessuno di essi viene identificato con un nome, bensì con un numero da 001 a 008. L’unico aspetto che conta davvero è la loro essenza e il pubblico è chiamato a ricordarne il sapore, gli ingredienti e il gusto.

Nel complesso, una carta cocktail accattivante, fatta di alchimie raffinate, che per Federico Volpe partono sempre da un gusto da esplorare in tutte le sue sfumature. Il drink può vestire così più abiti, attraverso giochi di consistenze e strutture diverse e, quindi, anche di sapori diversi.

La nuova drink list del Dry Milano annovera inoltre ulteriori piccoli cambiamenti. Nella sezione Everyday Drinking, dedicata ai classici del locale, come il French75 e il Vintage Negroni, fa il suo ingresso il Dry Martini 2.0, una rivisitazione del Martini Cocktail (gin, vermouth dry, twist di limone) la cui particolarità consiste nella destrutturazione – sulle pareti del bicchiere – dei tre modi più diffusi per servirlo: da una parte viene gelificato un brodo di olive, poi spennellato su un lato del bicchiere e cosparso di polvere di olive (Dirty Martini); dal lato opposto viene spennellata invece una soluzione Pickle (acqua, zucchero e aceto di mele), cosparsa poi di polvere di cipolla rossa di Tropea (Gibson).

Tra gli On the Wall, i drink storici con cui il Dry ha inaugurato la sua attività, ancora dipinti sul muro del locale di via Solferino, il Ramos Gin Fizz potrà infine essere gustato nella versione classica oppure “twistato”, con una pasta di meringa morbida successivamente caramellata.

Altra importante novità di questo inizio 2019 è Early Dry, la nuova formula aperitivo disponibile presso il locale di Viale Vittorio Veneto 28. Tutti i giorni, dalle ore 18.00 alle 19.00, gli ospiti possono ordinare da bere una consumazione (cocktail classico, calice di vino o birra) e ricevere, compreso nel prezzo, anche un piattino con un tris di “montanarine”.

Le “pizzelle fritte” della tradizione napoletana portano la firma dello chef Lorenzo Sirabella. La ricetta è quella originale: impasto leggero lievitato per 12 ore a temperatura ambiente e cottura rapida in olio bollente a 200°C per ottenere un prodotto fragrante, asciutto e digeribile.

Da Dry le “montanarine” vengono proposte in tre differenti farciture: la prima, classica, con pomodoro del piennolo, basilico, grana, pepe e olio extravergine d’oliva; le altre due, più gourmet, rispettivamente con stracciatella, gambero, polvere di capperi, olive nere al forno e lime, e con guacamole, salmone e menta.

L’offerta del Dry Milano, infine, si arricchisce anche della formula Try by Dry: ogni settimana, sia in via Solferino che in Viale Vittorio Veneto, la cucina propone una nuova pizza, che interpreti un momento, un ingrediente, una stagione, così da valorizzare al meglio il prodotto perfettamente inserito nel proprio tempo. Un modo per offrire sempre qualcosa di diverso ai fedelissimi del locale. Con Try by Dry la pizza della settimana viene proposta in abbinamento a un dolce e a un cocktail.