Elmar cucina outdoor Libera: l’esclusivo progetto firmato da Marco Merendi e Diego Vencato

  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera
  • Elmar cucina outdoor Libera

Elmar cucina outdoor Libera: il nuovo esclusivo progetto pensato come un’architettura in acciaio e cemento, adatto all’uso in esterno.

Elmar cucina outdoor Libera, la storica azienda veneta di progettazione e produzione di cucine e bagni, presenta Libera un nuovo ed esclusivo progetto di cucina disegnato dagli architetti Marco Merendi & Diego Vencato.

Libera è una cucina che nasce da un’attenta riflessione sul vivere contemporaneo: realizzata per essere inserita in spazi aperti, è in grado di dialogare con ogni ambiente della casa ed è un prodotto così versatile da poter essere inserito sia in esterni, sia in interni.

Compatta, elegante e funzionale, Libera usa per la prima volta il cemento colorato: le diverse tonalità consentono un inserimento armonico negli ambiti più diversi, dal giardino di campagna, al loft industriale o alla terrazza in città. Il carattere trasversale del progetto permette di vivere un’esperienza di qualità e condivisione, da sempre valori intrinseci del brand Elmar.

“Quando abbiamo parlato ad Elmar dell’idea di fare una cucina in cemento per esterni, avevamo ben chiaro l’obiettivo di realizzare un oggetto dal linguaggio autonomo, lontano quindi da quei prodotti – già presenti sul mercato – in cui il cemento era stato semplicemente sostituito ad altri materiali. Volevamo una cucina che si relazionasse alle persone come un’architettura aperta, fatta di trasparenza e in osmosi con l’ambiente circostante: quindi, non un volume pieno, ma un filtro che lascia passare la luce e i colori dell’intorno. Era di fondamentale importanza la relazione con gli spazi architettonici esterni e in modo particolare con la vegetazione, per godere così la dolcezza dei piaceri conviviali e della vita all’aria aperta. Avevamo in mente dei piani, una luce, la possibilità di integrare delle piante” raccontano Marco Merendi e Diego Vencato.

L’architettura modernista della metà del XX secolo è stato il naturale riferimento da cui partire: strutture portanti a vista in metallo e tamponamenti in cemento prefabbricato. Questi sono i due componenti di base che costituiscono la cucina. Nasce quindi un prodotto in cui è facilmente riconoscibile la funzione di ogni elemento e dove il risultato estetico è in armonia con il materiale usato. Ne risulta un’immagine grafica complessiva forte ed elegante al contempo. Seguendo tale filosofia, anche il sistema costruttivo, il trasporto e l’assemblaggio risultano semplificati.

“Libera” è una cucina pensata come un’architettura in acciaio e cemento, adatta all’uso in esterno, in cui è visibile l’attenzione data alla cura dei dettagli, dotati di una delicatezza propria, e che le conferiscono delle qualità domestiche.

La sostenibilità ambientale è un altro aspetto importante di questo progetto. Il cemento scelto, infatti, è un nuovo materiale ad alte prestazioni e completamente ecosostenibile: Cementoskin prevede un ciclo produttivo a base di acqua e privo di emissioni. Si tratta di un materiale dotato di qualità sottili e raffinate, caratterizzato da una finitura superficiale che offre una sensazione tattile simile al velluto. Il colore poi, nelle sue molteplici tonalità, si unisce al cemento in un rapporto organico e gentile.