Flos lampada Mayday Anniversary: la limited edition dell’iconica task lamp firmata Konstantin Grcic

Flos lampada Mayday Anniversary: la Limited Edition di pezzi firmati e numerati, in finitura e packaging speciale, dell’intramontabile task lamp.

Flos lampada Mayday Anniversary – Per celebrare il ventesimo anniversario dell’iconica lampada Mayday, Flos ha creato una Limited Edition di 2.020 pezzi numerati con packaging speciale, caratterizzati da un sofisticato gancio/maniglia in alluminio pressofuso su cui sono incisi la firma del designer e il numero progressive di serie, facendone così un desiderabile pezzo da collezione.

Creata da Konstantin Grcic nel 1999 e prodotta da Flos dal 2000 ad oggi, la lampada Mayday è riconosciuta in tutto il mondo come un piccolo capolavoro del design in tutta la sua minimale semplicità. Apparecchio di illuminazione versatile e intelligente ispirato alle lampade da officina, nel 2001 vince un Compasso d’Oro ADI per la “flessibilità d’uso nelle infinite e facili possibilità di collocazione in interni ed esterni”, oltre che per una “sostenuta economicità e valida ricerca formale per l’impiego di componenti in gran parte già esistenti in produzione”.

“Ho cercato di ridefinire le tipologie convenzionali di una lampada: non si tratta né di sospensione, né di lampada da tavolo o da terra, e neanche da parete. Mayday è il segnale di emergenza per chi si trova in difficoltà in mare, e in un certo senso questa è l’idea della lampada: poter essere utile ogni volta che si ha bisogno di luce” racconta Konstantin Grcic.

Concepita come strumento universale adatto ai più svariati usi e luoghi, Mayday fa riferimento a vari elementi funzionali, come una pratica maniglia sui cui è alloggiato il pulsante On/Off in gomma, un gancio per appendere la lampada ovunque sia necessario, un grande diffusore in polipropilene a forma conica – una sorta di imbuto bianco traslucido che diffonde luce calda, e due picchetti per avvolgere il cavo elettrico lungo cinque metri.

credit image by Press Office – Photo by @Bastian Achard, ©santi caleca e ©Scheltens&Abbenes