Francois Ozon intervista Festival Cannes 2021: il regista racconta Tout s’est bien passé

Francois Ozon intervista Festival Cannes 2021: il regista racconta Tout s’est bien passé, adattamento del romanzo di Emmanuèle Bernheim.

Francois Ozon intervista Festival Cannes 2021 – E’ stato presentato al Festival del Cinema di Cannes 2021, il nuovo film di François Ozon, adattamento cinematografico del romanzo È andato tutto bene (2013) di Emmanuèle Bernheim, figlia del collezionista d’arte André Bernheim e della scultrice Claude de Soria. L’intervista su Globe Styles

Come hai conosciuto Emmanuèle Bernheim?

“Ho conosciuto Emmanuèle nel 2000, tramite il mio agente di allora, Dominique Besnehard. Avevo girato i primi quindici minuti di Under the Sand e le riprese erano in attesa di finanziamenti. A nessuno è piaciuta la sceneggiatura o il filmato iniziale, così Dominique mi ha suggerito di incontrare uno scrittore che non conoscevo, Emmanuèle Bernheim, per una riscrittura della sceneggiatura. Ha intuito che saremmo andati d’accordo e aveva ragione: l’abbiamo capito subito e siamo diventati amici. Abbiamo gusti simili nei film, per gli attori e per la loro fisicità, e ho adorato il suo stile di scrittura molto fisico.”

Qual è stata la tua reazione quando hai letto Everything Went Fine?

“Mi ha inviato la bozza del suo libro e sono stato estremamente commosso nello scoprire e condividere la sua esperienza con suo padre. Ho amato il ritmo, il tono, l’accelerazione finale, la suspense climatica che sembra quasi un romanzo poliziesco, e l’ambiguo e ambivalente sollievo delle due sorelle per aver compiuto la loro “missione”. Emmanuèle mi ha chiesto se ero interessato ad adattare il libro per il cinema. Ero sicuro che ne sarebbe uscito un bel film, ma era così tanto preso dalla sua storia che, in quel particolare momento della mia vita, non riuscivo a vedere come farlo mio.

Altri registi si sono interessati e c’erano un certo numero di offerte sui diritti. Mi ha tenuto informato fino alla selezione di Alain Cavalier, che purtroppo non ha potuto portare a compimento il progetto a causa del cancro di Emmanuèle. Tuttavia, da quell’esperienza, Cavalier ha fatto un bellissimo documentario, Living and Knowing You Are Alive nel 2019.”

Cosa ti ha spinto ad adattarlo ora?

“La morte di Emmanuèle, la sua assenza, mi hanno fatto desiderare di essere di nuovo con lei. Forse anche, a livello personale, mi sono sentito più pronto a tuffarsi nella sua storia. Spesso ho bisogno di tempo con i libri che ho adattato, per farli maturare, per capire
come farli miei. E volevo lavorare con Sophie Marceau. Ci siamo imbattuti l’un l’altro molto spesso, ma nulla si è mai materializzato. Io ho sentito intuitivamente che questo era finalmente il momento giusto, il progetto giusto. Così le ho mandato il libro di Emmanuèle, che lei amava. E ho iniziato a scrivere la sceneggiatura.”

Stai esplorando un problema sociale qui, come hai fatto in By the Grace of God, ma il tuo approccio questa volta è molto diverso. Qui prende un’angolazione più intima.

“In By the Grace of God ho iniziato con esperienze personali, ma presto il film si è espanso per esplorare l’esperienza e la politica del problema. Ecco, qui dovevo indagare nell’esperienza personale di Emmanuèle. Il film apre un dibattito sull’eutanasia. Ovviamente siamo tutti portati a riflettere sui nostri sentimenti sulla morte, ma quello che mi interessava soprattutto era il rapporto tra il padre e le figlie. Tuttavia, nel raccontare questa storia, ho sentito un po’ dell’intensità e dello stress che Emmanuèle deve aver sentito mentre affrontava la società che non le permetteva di organizzare una morte desiderata in modo legale e strutturato. Non credo che le persone dovrebbero sopportare questo fardello e tutto il senso di colpa che l’accompagna”.

Come hai fatto ad adattare il libro?

“Emmanuèle scrive delle azioni in modo comportamentista. Il libro è pieno di dialoghi e discussioni, quindi adattarlo è stato abbastanza semplice, fluido e cronologico. Ma c’erano dei buchi nella storia, e in un certo senso ho percepito cosa comprendevano senza esserne del tutto sicuro. Quindi, come con By the Grace of God, ho fatto le mie indagini, principalmente con i protagonisti alla storia: il compagno di Emmanuèle, Sergele Toubiana e sua sorella Pascale Bernheim. C’era un’assenza lampante nel libro: Claude de Soria, la madre di Emmanuèle, che non mi aveva quasi mai menzionato. Il libro è un punto cieco. Tutto quello che sapevo è che era molto malata e cronicamente depressa.”

Nel film apprendiamo che è un’artista

“L’ho saputo io stesso piuttosto tardi, dopo la morte di Emmanuèle. Claude de Soria è stata una scultrice importante, riconosciuta nel mondo dell’arte. Sono stato sorpreso di apprendere che c’era un altro artista in famiglia, oltre a Emmanuèle, la scrittrice. Pascale Bernheim mi ha regalato un libro sulla loro madre e mi ha mostrato il suo lavoro e un documentario dove la vediamo lavorare con il cemento. Claude de Soria non intellettualizza o concettualizza mai il suo lavoro. Lei lo evoca concretamente, in termini organici, materiali. Emmanuèle faceva lo stesso con la sua scrittura. Il suo primo libro si chiama Le Cran d’Arrêt (Switchblade). Non ho potuto fare a meno di vedere un riferimento alle sculture di Claude de Soria, che sembrano coltelli o lame. Questo lignaggio nel loro lavoro ha nutrito la mia immaginazione sulla famiglia e ha reso tutto il rifiuto di Emmanuèle il più interessante. Non aveva nessuna delle opere di sua madre nella sua casa.”

Un’altra trama: l’enigmatico G.M., il cui nome è Gerard nel film

“Nel libro tutti sono chiaramente nominati tranne il misterioso G.M, che era l’amante di André. Alle sorelle non era mai piaciuto e quello era il suo nome in codice: G.M. per Grosse Merde (testa di merda)! Emmanuèle era preoccupata per come avrebbe reagito, motivo per cui non l’ha nominato nel libro. Ho anche cambiato il suo nome. Emmanuèle e sua sorella erano convinte che fosse stato lui a denunciarle alla polizia ed erano molto arrabbiate. A causa sua, era ancora più impossibile per loro accompagnare il padre in Svizzera. Ero incuriosito e divertito da questo personaggio, che non ho incontrato. Ho immaginato che Gérard amava veramente André e voleva salvarlo. Nel film, Emmanuèle difende Gérard alla fine, dicendo che è andato alla polizia per amore.”

Quanto ti sei sentito libero di prenderti queste libertà con la realtà come è raccontata nel libro?

“Naturalmente non avevo alcun desiderio di tradire Emmanuèle. Ma era necessario per rendere mia la storia. Conoscevo Emmanuèle abbastanza bene da sapere che non si sarebbe offesa e non mi avrebbe censurato. Lei era generosa nella sua scrittura, con la tendenza ad addolcire la violenza e a concentrarsi sull’umanità e sulla bellezza delle cose.”

Emmanuèle e sua sorella Pascale sono molto legate, ma c’è anche un po’ di rivalità.

“André ha chiesto a Emmanuèle di aiutarlo a morire, non a Pascale. Questo implica elementi sulla psicologia familiare e sulle nevrosi che non erano espliciti nel libro, e ha acceso la mia immaginazione. In verità Emmanuèle era sola quando ricevette l’ultima telefonata, ma io volevo mettere insieme le due sorelle, anche se Emmanuèle tiene la chiamata per se stessa. Potrebbe sembrare che quello che André sta chiedendo a sua figlia sia inaccettabile, ma la sua malizia lo rende irresistibile. Alcune persone hanno così tanto carisma che non puoi fare a meno di amarli. Sono odiosi e cinici, ma al allo stesso tempo così intelligenti, affascinanti e divertenti… André è una persona profondamente egoista, ma piena di vita. Si è sposato Claude de Soria per convenzione borghese, ma ciononostante ha vissuto la sua vita come voleva, senza vincoli, abbracciando la sua omosessualità. Faceva quello che voleva, senza compassione o considerazione per chiunque altro, a parte suo nipote. Emmanuèle parlava spesso di suo padre. Lei lo amava e lo ammirava. So che hanno riso molto. Lo sentiamo anche nel libro, ed è stato importante per me esprimerlo nel film.”

Il carattere del paziente che condivide la stanza di André all’ospedale, interpretato da Jacques Nolot, rappresenta un diverso tipo di potenziale figura paterna

“Sì. È un uomo che vede Emmanuèle nel suo ruolo di figlia: “Tuo padre è fortunato ad avere una figlia come te.” Mentre ad André non potrebbe importare di meno. Non ringrazia mai le sue ragazze. In ambulanza alla fine avrebbe potuto ringraziarle per tutto quello che avevano fatto, ma no, è tutto per lui! Era un uomo brillante, non potevi dirgli di no, ma lui era un cattivo padre. Ha messo giù Emmanuèle quando lei era una bambina, definendola grassa e brutta. Emmanuèle disse che avrebbe preferito essere sua amica che sua figlia.”

Volevi lavorare con Sophie Marceau già da un po’

“Sophie Marceau è un’attrice della mia generazione. Sono cresciuto con lei e lei mi ha sempre interessato. Mi piaceva l’idea di filmarla adesso, sulla cinquantina. Questo film è una sorta di documentario su di lei, come allo stesso modo Under the Sand parlava di Charlotte Rampling. Lei non sta facendo niente. Lei è lì, presente, sente ed esprime la sua sensibilità. In cucina con Serge alla fine, lei crolla e si arrampica tra le sue braccia. Non ho scritto la scena in quel modo. Non volevo che piangesse, volevo salvare la sua emozione per la telefonata con la Svizzera. Ma Sophie la pensava diversamente, e aveva ragione.”

Raccontaci la scelta di André Dussollier per interpretare il “vecchio incorreggibile” che è suo padre.

“Amo André nei film di Alain Resnais. E nel film di Rohmer Le Beau Mariage. È stato subito entusiasta di questa storia e ha capito subito il personaggio. Amava l’umorismo impassibile e ha portato la sua deliziosa sfacciataggine nella parte. Gli ho mostrato i video di André Bernheim per potersi ispirare alla sua personalità e al suo modo di parlare. E abbiamo fatto tante ricerche sugli ictus. Il libro era molto preciso e noi abbiamo incontrato anche i medici che ci hanno spiegato le diverse fasi delle conseguenze di un ictus per renderlo il più reale possibile. La precisione di André, la sua ossessione per la credibilità intorno all’ictus, e il suo modo di parlare hanno davvero migliorato il personaggio. Non aveva paura per la sua immagine – ci ha permesso di radergli la testa e deformare la sua faccia con una protesi. Gli ho detto: “Quando il pubblico vedrà André, hanno bisogno di essere scioccati e non credere che sei tu.”

Questa è la terza volta che lavori con Géraldine Pailhas

“Ho pensato subito a Géraldine per interpretare la sorella di Sophie. Ci sono parallelismi nelle loro carriere che rendono facile immaginarle come sorelle. Entrambe hanno iniziato con Claude Pinoteau e hanno lavorato con Maurice Pialat quando erano giovani. È stato ancora una volta un vero piacere lavorare con Geraldine. Capisce sempre quello che voglio all’istante. È scivolata proprio nel personaggio di Pascale, e lei e Sophie hanno creati una vera chimica. Charlotte Rampling è stata la scelta più ovvia per interpretare la loro madre. È un ruolo piccolo ma fondamentale; la sua presenza è molto importante. E volevo far luce su Claude de Soria, l’artista. Questi argomenti hanno conquistato Charlotte, insieme al nostro attaccamento a Emmanuèle attraverso Under The Sand.”

Il film sembra un po’ un diario, scandito da date

“Questa storia è un conto alla rovescia, quindi le date sono importanti. Importano ad André. È lui che vuole riprogrammare la sua morte. La sua più grande la paura è perdere la ragione e non possedere più il libero arbitrio necessario per determinare la propria morte. Le sue figlie non potranno più organizzare il viaggio se lui perde la capacità di prendere la decisione consapevolmente.”

I flashback aggiungono una dimensione temporale e fantasmatica alla storia

“Erano piuttosto sorprendenti nel libro di Emmanuèle, molto lontani dal suo solito stile di scrittura. Mi chiedevo davvero se conservarli e, in caso affermativo, come filmarli? Li volevo per essere evocativo piuttosto che esplicativo. Reminiscenze della crudeltà di suo padre.”

Qualche ultima parola?

“Sono contento di aver raccontato questa storia, ma vorrei che Emmanuèle fosse ancora qui. Mi sarebbe piaciuto mostrarle il film. Lei
era così franca, così onesta e ha sempre colto nel segno. Lei mi ha sempre dato il suo parere, che è sempre stato importante per me e per il mio lavoro. Quello che mi rende felice oggi è pensare che il film potrebbe ispirare le persone a scoprire il lavoro di Claude de Soria e, soprattutto, leggere o rileggere i libri di Emmanuèle.”