Fuorisalone Milano 2019 Samsung: la mostra Resonance

Si chiama Resonance, la mostra di Samsung per la Milan Design Week 2019, che unisce l’interazione tra tecnologia e mondo tangibile aldilà dello schermo. Scopritela su Globe Styles

Fuorisalone Milano 2019 Samsung – Samsung Electronics, che da 50 anni si impegna a offrire esperienze uniche e innovative connettendo persone e tecnologie in modo sempre più naturale, presenta durante la Milano Design Week 2019 la mostra “Resonance”.

Partendo dalla filosofia del design di Samsung, “Be Bold. Resonate with Soul.”, la mostra da vita alle infinite possibilità create dalla risonanza. “Resonance” si sviluppa su tre concetti fondamentali per il design, così come concepito da Samsung: l’empatia, la scoperta e l’immersione.

I visitatori hanno la possibilità di interagire con la mostra attraverso comportamenti quotidiani e naturali come respirare, parlare e toccare, andando a completare un’esposizione che prende vita con i visitatori.

Nel regno dell’empatia
La risonanza comincia dall’atto di condividere emozioni simili. Il pubblico viene accolto in uno spazio che si illumina dolcemente con una vasta gamma di colori che risvegliano le emozioni più intime. Questo punto di partenza della mostra è lo spazio in cui i visitatori sperimentano una risonanza con i propri sensi.

Un viaggio di scoperta
Trovarsi di fronte a grandi installazioni artistiche conduce a un viaggio verso nuove scoperte. Strutture che emettono luci e sfumature colorate catturano l’attenzione di tutti per attirarli nel mondo all’interno della mostra. Le interazioni attraverso comportamenti quotidiani connettono l’opera d’arte al singolo visitatore e alle persone che lo circondano, portando tutte le persone coinvolte verso l’esplorazione di nuove esperienze. Elementi audio che catturano l’identità sonora di Samsung infondono vita all’opera d’arte, assicurando che ogni visitatore possa assaporare la gioia dell’ascolto.

Inspirare, espirare
Ogni nostro respiro incarna il ritmo della vita. Forme che si allargano in base al respiro del pubblico e si mescolano con i respiri degli altri per creare nuove forme sempre diverse. Ogni ritmo generato dal respiro dei visitatori diventa un’opera d’arte unica.

Vedere la voce
Far sentire la propria voce è un modo per esprimere se stessi. L’ondata di stringhe a forma di spirale che si diffondono con la luce in base ai suoni prodotti dal pubblico dà voce nell’oscurità all’esistenza di ognuno dei visitatori. Questa empatia si manifesta quindi sotto forma di un suono mistico, che lega l’opera d’arte e il pubblico in un’unica esperienza.

Toccare le emozioni
Quando due sensi si uniscono, la portata dell’esperienza si amplia. La vista di centinaia di palline che rimbalzano in base alla pressione applicata a un sensore stimola i sensi della vista e del tatto, risvegliando le emozioni più intime degli spettatori. Un normale gesto quotidiano eseguito con la punta delle dita si trasforma in un’attività divertente per tutti.

Immersione nell’interiorità
I nuovi mondi scoperti da ogni persona che si concentra sui propri sensi individuali si fondono in un tutto per espandersi ulteriormente. Nel momento culminante della mostra, il pubblico entra nell’installazione e sperimenta un’immersione completa. L’ambiente circostante è in continua evoluzione in base ai movimenti degli spettatori, stimolando i sensi per creare una risonanza ancora più profonda.

Le onde dei sensi
Forme che ondeggiano a ogni passo del pubblico e frammenti di luce che cadono dall’alto ci conducono con un suono mistico in un mondo con cui abbiamo familiarità nella vita di tutti i giorni. Il senso della vista e dell’udito degli spettatori vengono completamente catturati nell’opera, diventando un tutt’uno con le onde che hanno creato. In uno spazio che risveglia i sensi in modo totale, il pubblico si avvicina al riverbero creato dalla risonanza.

Risonanza con l’anima
Nei momenti di profonda immersione, il pubblico diventa una cosa sola con l’opera d’arte e completa il proprio viaggio. Gli spettatori si trovano di fronte alla propria interiorità in uno spazio pieno di colori, luci e ombre. Il suono del calpestio sui ciottoli, un’atmosfera magica evocata dalla nebbia e una profonda risonanza creata dal movimento della luce che riecheggia nel cuore del pubblico costringono i sensi a immergersi completamente nell’opera d’arte. Le molte sfumature dell’io riflesse dalle luci colorate simboleggiano l’origine della risonanza, esprimendo nel complesso la filosofia del design di Samsung, completamente incentrata sull’essere umano.

Nell’area lounge, gli spettatori che hanno completato il percorso della mostra possono osservare i risultati ottenuti da Samsung Electronics negli ultimi 50 anni. Samsung Electronics si è sempre impegnata al massimo per offrire agli utenti esperienze significative. La determinazione di Samsung Electronics nel preparare la strada per un nuovo luminoso futuro è al centro della mostra “Resonance”.

Resonance
Fino al 14 aprile
dalle 10 alle 20
Spazio Bergognone
via Bergognone 26