Gabrielle Chanel e la danza: Coco e l’amore per il balletto

  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza
  • Gabrielle Chanel e la danza

Gabrielle Chanel e la danza: il video che racconta le interconnessioni tra la danza moderna e lo stile inimitabile della Maison parigina.

Gabrielle Chanel e la danza – All’epicentro dell’avanguardia, Gabrielle Chanel era circondata da una cerchia di amici che includeva alcuni dei più grandi artisti del suo tempo, il cui lavoro e le cui discipline artistiche la nutrivano in modo creativo. La danza stava subendo una grande rivoluzione e lì, Chanel trovò un’eco della moda che voleva offrire alle donne: un corpo liberato così da dominare i suoi movimenti, simboleggiando un nuovo tipo di femminilità. Questa forma d’arte rispecchiava la sua visione delle donne e del fascino femminile.

Gabrielle Chanel e la danza: il video Inside Chanel

Questo nuovo capitolo di Inside Chanel svela le numerose collaborazioni artistiche che Gabrielle Chanel ha avuto con questa importante forma d’arte offrendo una retrospettiva sulle interconnessioni tra la danza moderna e lo stile inimitabile della Maison parigina.

Come il cinema che stava emergendo all’inizio del XX secolo, anche la danza ha aperto nuove strade per il movimento e l’espressione artistica, illustrando la sua irrefrenabile ricerca della libertà. La stessa Gabrielle Chanel, che a quel tempo stava definendo il suo stile con abiti comodi ed eleganti destinati a liberare i corpi delle donne, seguì le lezioni di danza con la ballerina Caryathis.

“Rimuovi sempre, spogliati sempre. Non aggiungere mai … Non c’è altra bellezza che la libertà del corpo”, ha affermato Gabrielle Chanel. La grazia delle ballerine e le loro coreografie non ostacolate dai loro costumi, soddisfaceva perfettamente le ambizioni della stilista e il suo concetto di look moderno, libero da ogni vincolo. Condividendo l’intuizione di Gabrielle, Isadora Duncan ha predetto che:“La ballerina del futuro sarà quella il cui corpo e anima saranno cresciuti così armoniosamente insieme che il linguaggio naturale dell’anima diventerà di riflesso il movimento del corpo.”

Nel 1913, Gabrielle Chanel subì un profondo shock estetico innescato da The Rite of Spring, presentato dai Ballets Russes e guidato dall’impresario Serge Diaghilev. La musica, messa in scena da Igor Stravinsky, è stata una rottura totale con la tradizione del balletto classico e ha provocato un enorme scandalo. Chanel aveva incontrato Diaghilev a Venezia in compagnia della sua grande amica Misia Sert.

E sposò con tutto il cuore la visione innovativa di una forma d’arte poliedrica che mescolava danza, musica, pittura, scenografie e costumi. Segnò l’inizio di una lunga amicizia che durò fino alla morte di Diaghilev nel 1929, e produsse numerose collaborazioni artistiche. Nel 1924, la stilista mette il suo coraggio e la sua visione al servizio della danza con i costumi per Le Train bleu prodotto da Diaghilev. Il libretto era di Jean Cocteau, la musica di Darius Milhaud, il grande sipario e il programma di Pablo Picasso.

Gli abiti che Gabrielle Chanel ha disegnato per nuotatori, giocatori di golf e campioni di tennis sembravano pronti per essere indossati per lo sport reale. Creati e disegnati direttamente sulle ballerine, i suoi abiti hanno illustrato l’accuratezza della sua visione di una moda liberata dalle sue catene e in contatto con la vita reale.

Questa visione fu ulteriormente rafforzata dalle tuniche di seta infinitamente morbide che Gabrielle Chanel progettò nel 1929 per la seconda creazione dell’Apollon Musagète di Diaghilev. La colonna sonora era di Stravinsky e il ruolo principale interpretato da Serge Lifar. Anche dopo la morte quell’anno di Diaghilev, Gabrielle Chanel non avrebbe mai dimenticato il mondo della danza.

La grazia e la libertà incarnate dalla danza si insinuano regolarmente nelle creazioni di Gabrielle Chanel. Combinando danza e moda, Coco ha sintetizzato due forme creative segnate dal transitorio e dall’effimero, andando oltre la nozione di abbigliamento, a beneficio del corpo femminile una volta e per sempre liberato.

credit image by Press Office – photo by Chanel