Galleria Cracco Milano: Through a day di Giovanni Ozzola, la nuova installazione

Il quarto appuntamento del progetto d’arte contemporanea pensato per le vetrine – lunette del Ristorante Cracco vede protagonista l’artista Giovanni Ozzola con un’installazione site specific. Scopritela su Globe Styles

Galleria Cracco Milano – Galleria Cracco, il progetto d’arte contemporanea nato da un’idea dello chef Carlo Cracco con l’agenzia di comunicazione Paridevitale e a cura di Sky Arte, presenta Through a day di Giovanni Ozzola, quarta installazione site specific pensata per le lunette del ristorante Carlo Cracco in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano.

Toscano di nascita ma viaggiatore instancabile, Ozzola è stato invitato da Artissima, guest curator di questa edizione, a confrontarsi con la particolare conformazione dello spazio espositivo in uno dei luoghi più rappresentativi di Milano.

Dopo gli interventi di Patrick Tuttofuoco, dei MASBEDO e di Goldschmied & Chiari, Through a day si inserisce nell’architettura della Galleria innescando un inaspettato effetto trompe-l’oeil: immagini di spazi industriali segnati da graffiti e illuminati da spicchi di cielo e di acqua, diventano un racconto sul trascorrere del tempo.

Le tre vetrine d’arte di Galleria Cracco, fruibili gratuitamente 24 ore su 24 e visibili da oltre 100.000 persone al giorno, dichiarano ancora una volta la vocazione “pubblica” del progetto, nato con la volontà di sostenere l’arte contemporanea italiana portandola in un luogo simbolo del saper fare italiano, in cui sperimentazione ed eccellenza si dichiarano trait-d’union tra food, architettura, design e arte.

All’inaugurazione del progetto, a cui si è brindato con i vini delle cantine Masciarelli, numerosi i volti noti della cultura e dello spettacolo che hanno partecipato. Insieme a Carlo Cracco e Rosa Fanti, all’artista Giovanni Ozzola, a Roberto Pisoni, Direttore di Sky Arte, a Paride Vitale, fondatore dell’omonima agenzia di comunicazione, e a Ilaria Bonacossa, direttrice di Artissima: la conduttrice e attrice Geppi Cucciari, l’Assessore alla Cultura di Firenze Tommaso Sacchi, la conduttrice e attrice Benedetta Mazzini, il Direttore Marketing di Sky Arte Dino Vannini, il gallerista Mario Cristiani, la giornalista e conduttrice Sabrina Donadel, l’architetto Luca Cipelletti, le artiste Sara Goldschmied e Eleonora Chiari, la collezionista Umberta Beretta, la pr Warly Tomei, la critica e curatrice di design Cristina Morozzi.

Through a day di Giovanni Ozzola si compone di tre immagini retroilluminate installate all’interno delle lunette: l’intervento rivela la specificità della ricerca dell’artista che, abbracciando pratiche artistiche diverse – in questo caso fotografia e installazione, non tralasciando mai un forte senso pittorico –, si contraddistingue per un’indagine che parte sempre dall’osservazione del mondo visibile, dello spazio e della luce.

Catturare il trascorrere del tempo, il variare delle luci, in un tentativo continuo di fermare qualcosa di fluttuante e fugace, è al centro anche del progetto per Galleria Cracco: le aperture circolari che sfondano lo spazio delle lunette – evocando espedienti caratteristici del barocco – lasciano illusionisticamente immaginare l’esistenza di una dimensione altra ed astratta all’interno dell’edificio, in contrasto con l’estetica urbana, industriale e abbandonata, delle superfici che invece affacciano sulla Galleria, integrandosi con l’architettura neoclassica del contesto.

La dialettica tra luce e buio che emerge in Through a day si apre ad una riflessione più ampia sulla relazione tra l’uomo e l’universo, su come l’uomo si collochi nello spazio e nel tempo, verso la conoscenza e la percezione di se stesso: nelle sue opere Ozzola lascia sempre percepire l’idea che ci sia una corrispondenza tra la materia che compone l’essere umano e quella che costituisce l’universo, in un gioco infinito di rimandi e connessioni e si caratterizzano per una loro semplicità dal carattere aurorale, di nascita e inizio.

credit image by Press Office – photo by Carmine Conte