Gucci campagna autunno inverno 2020: The Ritual, l’intimità quotidiana

Gucci campagna autunno inverno 2020: il cast di modelli diventa autore della nuova campagna. Guardate il video e le foto su Globe Styles

Gucci campagna autunno inverno 2020 – Intitolata The Ritual, la nuova campagna pubblicitaria di Gucci continua a sviluppare l’idea di invertire i punti di vista – idea centrale della visione del direttore creativo Alessandro Michele per la sfilata autunno inverno 2020 2021- dove il pubblico era stato invitato a osservare cosa succede dietro le quinte di una sfilata di moda. Approfondendo la riflessione sulla visione delle cose da un punto di vista diverso, si aprono nuove opportunità.

Gucci campagna autunno inverno 2020: The Ritual, il video

I modelli sono stati così invitati a farsi autori della nuova campagna, con la semplice direttiva di includere i look nella propria quotidianità, nell’intimità del proprio spazio abitativo e di fotografarsi o riprendersi da soli. Il punto di vista è dunque quello di questo eclettico cast e il risultato è una serie di autoritratti profondamente personali, onesti e spontanei.

Con freschezza e sincerità, queste immagini iper-reali mostrano la propria casa come un laboratorio creativo personale, dove chi vi abita è libero di divertirsi e sperimentare con la propria immaginazione, diventando fotografo e cantastorie, produttore e scenografo.

I diversi formati riflettono la varietà dei mezzi utilizzati: dalle macchine fotografiche monouso ai cellulari con fotocamera, producendo risultati molto diversi fra loro e rivelando le scelte individuali circa l’immagine che ciascuno ha voluto dare di sé.

«Ho deciso di far viaggiare i vestiti verso le case delle ragazze e dei ragazzi che solitamente popolano le mie campagne; persone che ho accuratamente scelto nel corso del tempo per i loro caratteri di assoluta unicità. Ho chiesto loro di rappresentare l’idea che hanno di se stessi e di renderla pubblica, dando forma alla poesia che li accompagna. Li ho incoraggiati a giocare, improvvisando con la loro vita», ha spiegato Alessandro Michele.

Con l’allentamento del controllo, emerge un nuovo tipo di creatività. Ecco la Gucci community che lavora a maglia, fa giardinaggio, prende il sole, si lava i denti, si rilassa sul tetto di un edificio, salta su un letto, ha animali domestici o magari gioca a freccette mentre fa skateboard in un interno dal parquet lucidato. Anche se gli scenari sono quelli di tutti i giorni, le immagini non lo sono affatto, a dimostrazione di come il magico romanticismo di Gucci ispiri una particolare qualità onirica ed emotiva.

È sorprendente notare come una certa coerenza permei l’intero esperimento visivo degli autoritratti e dei filmati. Coerenza che la dice lunga sull’influenza di Gucci, anche a distanza.

Credit image by Press Office
Direttore Creativo: Alessandro Michele
Art Director: Christopher Simmonds
Fotografia/Regia: il cast di modelli
Hair stylist: il cast di modelli
Make up: il cast di modelli

Crediti musicali: “Alright” Supergrass
(Gareth Coombes, Daniel Goffey, Michael Quinn)
© 1995 EMI Music Publishing Italia Srl per conto di EMI Music Publishing LTD
(P) 1995 The Echo Label Limited, una società del Gruppo BMG, per gentile concessione di BMG Rights Management (Italy) S.r.l.