JW Anderson Uomo primavera estate 2020: un caleidoscopio di colori

JW Anderson ha presentato a Parigi la sua collezione uomo primavera estate 2020 e una selezione di look della Resort donna. Scoprite tutto su Globe Styles

JW Anderson Uomo primavera estate 2020 – JW Anderson ha presentato a Parigi la sua collezione uomo primavera estate 2020 e una selezione di look della Resort donna per la prossima stagione primavera estate 2020 presso il Lafayette Anticipations, nel 4° arrondissement cittadino.

La fondazione Lafayette, uno spazio espositivo multidisciplinare tradizionalmente sede di mostre d’arte contemporanea, in occasione del fashion show esponeva in via eccezionale una selezione di opere d’arte curata personalmente dal fondatore e Direttore Creativo del brand, Jonathan Anderson.

Tra le opere esposte, alcune ceramiche e porcellane di Kate Newby, una scultura in filo di Harry Kramer e alcuni masterpiece firmati da Paul Thek.

In passerella due collezioni fedeli al DNA del marchio, che promuove da sempre l’idea di un guardaroba unisex e condiviso, un mix di look che appartengono alla collezione uomo e alla resort donna primavera estate 2020. Outfit composti da capi versatili ed adatti a tutti, indipendentemente dal genere.

Tra i temi di collezione l’esplorazione del check ed un’esplosione di colori primari. “Adoro i mosaici, intesi come un caleidoscopio di colori, li ho fatti deflagrare su maglie in lana che sembrano realizzate ai ferri, dei pezzi unici in bilico tra passato e futuro”, ha spiegato Jonathan Anderson nel backstage.

Maglie trasformabili, altro tema caro al brand, in originali copricapi a corona e poi di nuovo in mini tuniche e minidress intrecciati. Anderson ha raccontato: “L’utimo show donna presentava molti pezzi dagli orli grezzi, un non finito realizzato ad arte, volevo in qualche modo richiamare la collezione precedente ma contemporaneamente mostrare che sono capace di grande precisione. Un pezzo lavorato a maglia può essere contemporaneamente questo “parte” di qualcosa ma anche tutto”.

I tuxedo sfilano, da protagonisti, sullo stage. “Mi piacciono i tuxedo che possono essere sensualmente androgini, indossati sia da un uomo sia da una donna. Inoltre, mi riportano direttamente alle origini e al lancio del marchio” ha concluso Anderson.

Debutta la Hoist, la nuova signature bag firmata dal designer di origini irlandesi, una borsa a mano interamente realizzata in pelle con una chiusura a logo che reiterpreta quelle delle già conosciute JW Anchor e della Crinkle. Oversize, elegante e nello stesso tempo pratica e funzionale, la nuova borsa è disponibile in diverse sfumature metalliche. Nuovi toni anche per un’altra must have, la Cap bag.