Paris Deco Off 2018 Dimorestudio: la nuova collezione Progetto Tessuti

  • PROGRETTO TESSUTI
  • PROGRETTO TESSUTI

A Paris Deco Off 2018, Dimorestudio presenta la nuova collezione Progetto Tessuti, che si caratterizza per le lavorazioni antiche che rimandano alla couture, geometrie e fantasie fuori scala, con accenni agli stilemi art déco. Scopri tutto su Globe Styles

Una raffinata ricerca contagiata da opulenza visiva e coerenti citazioni iconografiche, segna la forte esigenza di DIMORESTUDIO di poter accedere ad una propria linea tessile come ulteriore patrimonio del percorso decennale fino ad ora compiuto.

Jacquard e stampati sapientemente bilanciati tra loro, con forte presenza grafica, realizzati con filati sofisticati e tecniche di finissaggio speciali per ottenere una straordinaria ricercatezza tattile pur mantenendo l’originale identità cromatica e i codici stilistici inediti ed estremamente contemporanei di DIMORESTUDIO.

Disegni originali a campo intero dove la fase tecnica è stata volutamente esasperata. Il risultato è un capo unico dalla caduta ricca e dalla mano preziosa, per tendaggi di eleganza teatrale e abili accostamenti decorativi.

L’uso di materie sia preziose che vintage, trame di spessore diverso, tecniche audaci di goffratura, pigmentazione, invecchiamento dei fondi, sovrapposizione di laminatura a colla assieme a ricami e finissaggi nobilitanti è stato un esperimento necessario per ottenere profondità di rilievo, contrasti iridescenti di luce e sofisticate sfumature di toni.

“Lavorazioni antiche che rimandano alla couture, geometrie e fantasie fuori scala, accenni agli stilemi art déco,” così Emiliano Salci e Britt Moran raccontano Progetto Tessuti, la collezione tessile per interni e outdoor lanciata nel 2015 e in continuo divenire. “I tessuti da interni in raso, cotone, seta sono lavorati per offrire magnifici effetti tridimensionali, con texture sempre differenti ed effetti di grande corposità e pienezza, mentre i tessuti da esterni presentano soggetti ispirati a insediamenti urbani dove l’elemento architettonico diventa un dettaglio decorativo originale, oppure a spiagge, dove la presenza umana restituisce l’audacia di una creatività ricercata e anticonformista. I colori sono polverosi, stemperati, una costante della nostra cifra stilistica.”