Philipp Plein No Limits profumo: la fragranza maschile eccessiva e senza limiti

Philipp Plein No Limits profumo: una potente affermazione olfattiva, ricca di inediti accordi appositamente studiati e di ingredienti super lussuosi.

Philipp Plein No Limits profumo – Philipp Plein è pronto a conquistare e ad ammaliare il mondo della profumeria con una provocante e scatenata Eau de Parfum maschile. E’ No Limit$, un nome che dice tutto: la fragranza è il simbolo delle mille vite di Philipp Plein.

Philipp Plein No Limits profumo: il video

No Limit$ è un invito rivolto a tutti i fans di Philipp Plein e ai millennials di tutto il mondo ad immergersi nel suo stile di vita ad alta tensione: eccessivo, edonistico e senza limiti. Per rappresentare l’inesauribile fonte in grado di soddisfare qualsiasi desiderio, Philipp Plein ha scelto il massimo simbolo di ricchezza: una black credit card del valore di 1 trilione, simbolica chiave d’accesso al suo mondo senza limiti, dove il denaro impera sovrano.

Per la prima volta in assoluto una fragranza è stata racchiusa in un flacone che rappresenta una carta di credito in vetro sagomato, laccato nero, sulla quale spicca il logo Philipp Plein in rilievo oltre alla stampa dell’iconico teschio del brand, un simbolo di vita che si irradia al centro del caratteristico esagono.

Il numero seriale della membership riporta l’anno di nascita di Philipp Plein, mentre il chip della carta di credito è stato trasformato in un tappo spray. La confezione esterna è caratterizza da una stampa lenticolare che rivela alternativamente il teschio o il simbolo $, e che scorre per estrarre il flacone della sua custodia.

Frutto della collaborazione tra lo stesso Philipp Plein ed il maestro profumiere di fama internazionale Alberto Morillas, la fragranza No Limit$ è una dichiarazione di lusso audace e contemporaneo; un profumo esclusivo e ultra riconoscibile.

Creato in modo del tutto personalizzato dal Re dei Profumi, cattura la straordinaria personalità e la sfrenata vivacità di Philipp Plein, “The King of Now”. Una potente affermazione olfattiva, ricca di inediti accordi appositamente studiati e di ingredienti super lussuosi e rari.

Una composizione di note legnose, speziate, No Limit$ emana una potente scia di pepe nero, cardamomo ed esuberanti note acquatiche irrobustite dalla ricchezza di legni scuri e cuoio, ricolmi del sensuale sentore di vaniglia Bourbon e calde note ambrate. Una composizione legnosa orientale che colpisce con quattro accordi olfattivi personalizzati.

Con un esordio esplosivo, la freschezza metallica del bergamotto e dello zenzero porta i livelli energetici ad altezze molto elevate. Luminosissime note acquatiche abbagliano e attraggono, proprio come le auto extra lusso di Philipp Plein.

Come un tatuaggio d’oro liquido, l’inebriante odore dell’inchiostro di banconote appena stampate morde la pelle. Uno scuro elisir fragrante, vivacizzato dall’oro nero, meglio noto come pepe nero, e intensificato da chiodi di garofano, cardamomo, noce moscata e anice stellata dal sentore di liquirizia.

La brama di piacere tocca il suo apice (culmina) in un proibito appagamento di cioccolato fondente e vaniglia bourbon. Le tonalità sexy e misteriose della nota personalizzata di ambra nera, miscelate con l’antico sentore di incenso, si accendono di pura voluttà.

La vera ossatura del profumo. Una potente miscela high-tech di legni tagliati al laser, patchouli e legno di cedro, imprime la forza e il magnetismo illimitati di Philipp Plein. La punta scura, terrosa e legnosa delle note di oud e cuoio, trasforma questa straordinaria fragranza in un autentico tatuaggio olfattivo.

Incentrato sulla personalità di Philipp Plein e la sua vita, la campagna No Limit$ è diretta da Luca Finotti. Chiassoso, stravagante, con un tocco di rock’n’roll, in un’apologia della vita ad alta tensione, edonistica e senza limiti di Philipp Plein. Nelle immagini della campagna stampa, come nei grandi successi di Hollywood, Philipp Plein è stato trasformato in una star di un film d’azione e gli scatti portano la firma del famoso fotografo John Balsom.