Salone del Mobile 2019 Selva: il design d’autore e il Selv(A)part

Al Salone del Mobile 2019, Selva lancia il design d’autore e apre le porte del Selv(A)part. Scoprite tutto su Globe Styles

Salone del Mobile 2019 Selva – Per il Salone Internazionale del Mobile 2019, Selva lancia importanti novità in fatto di design e stile. Prima novità è l’introduzione di tre pezzi iconici, disegnati da designer internazionali.

Al Salone, Selva presenta in anteprima il Tavolo Pont di Aldo Cibic, con un’idea di design strutturale e poetico nell’uso del legno massiccio. Le gambe hanno una sezione morbida e ovale che si ingrossa e allarga man mano che si avvicina all’incrocio; il piano invece fa da contrasto con l’effetto voluto di essere geometrico e sottile. Visto di profilo, il tavolo assomiglia ad un ponte da cui prende il nome.

La serie Lucrezia disegnata dall’architetto Francesco Lucchese per Selva è costituita da poltrona e poltroncina. È caratterizzata da una linea che, seppur presenta segni di memoria, rimane fortemente attuale, con una forma morbida e avvolgente. Le due poltroncine sono accomunate da una stessa base costituita da un cuscino morbido e aereo, posizionato su un cavalletto di prestigio.

Lo schienale diventa l’elemento caratterizzante: in un caso è distaccato dal cuscino e realizzato con soffice imbottitura verso l’interno, e un guscio elegante in legno verso l’esterno; nell’altro troviamo un’imbottitura totale, che accompagna la forma rotonda del cuscino sino ad inglobarlo. Un gesto che richiama l’idea di un abbraccio, un effetto cocoon che accoglie la persona.

Terzo elemento è la poltrona Laku con pouf abbinato di Toshiyuki Kita, presentata in anteprima nel 2018 e oggi rivestita di pelle in una nuova tonalità tortora. La struttura è in legno di frassino massello e lo schienale è reclinabile per garantire il massimo comfort nell’utilizzo, così come suggerisce il suo nome che, in giapponese, significa “comodità”.

Lo stand di 200 mq si compone di una parte outdoor che introduce al mondo Selva, una zona living e una dining si colorano di nuance ruggine, blu, grigio scuro e magnolia, seguendo i maggiori trend in fatto di colore. Fulcro centrale è una struttura di specchi che racchiude desk, magazzino campionari/cataloghi e area lounge bar.

All’interno dello stand si trovano il divano Trust, in cui la cura dei dettagli, la versatilità e l’originalità sono le parole che meglio lo identificano. Questo sofa è componibile in molteplici varianti e ha un sistema di imbottitura differenziata, che dona un maggiore comfort e morbidezza. La particolarità è la dolce curvatura del legno laccato che ne identifica la forma.

Protagonista dell’area più intima della casa è il letto Delano, in cui forte identità ed eleganza distintiva convivono, grazie all’imbottitura dell’ampia testata rifinita fronte/retro in stoffa o pelle con filetto ed accessori decorativi in finitura bronzo anticato. Perfette per ogni stanza sono la credenza Doral e la libreria Atlantic: la prima con ante e maniglie rivestite in pelle, top in legno e piedini in metallo, la seconda un vero e proprio pezzo di architettura, caratterizzato da una facciata ampia con finestre regolari e la novità 2019 dell’illuminazione interna.

L’azienda veronese apre le porte del Selv(A)part per mostrare come sia possibile arredare con eleganza e gusto anche uno spazio di 60 mq. Living, dining room e camera da letto si concretizzano così in un mood unico e inconfondibile.

Selva inaugura quest’anno una nuova linea: JVM basata sul concept di arredi must have e transitional, perfetti per decorare e dare un tocco di personalità in più ad ogni ambiente, spazio o angolo della casa. Complementi, mobili, decorazioni: il metallo è qui protagonista con forme semplici che completano tutti gli spazi, classici o moderni, con un mood minimal chic.