Schiaparelli Haute Couture autunno inverno 2021: “The Matador”, tutti i look e il video

Schiaparelli Haute Couture autunno inverno 2021: The Matador è la collezione che onora la visione di Elsa ed il potenziale della forma d’arte.

Schiaparelli Haute Couture autunno inverno 2021 – La nuova collezione disegnata da Daniel Roseberry si concentra sulla nostalgia. Lo stilista si è chiesto: cosa succederebbe se combinassi un po’ di Manet; un po’ di Lacroix; un po’ di anni ’80; un po’ di 1880; un po’ di Matador; un po’ di alieno spaziale; un po’ di Ingres; un po’ di luccichio, un sacco di colore?

Schiaparelli Haute Couture autunno inverno 2021: “The Matador”, il video della collezione

La risposta è la sua quarta collezione couture, “The Matador”: una collezione che onora la visione di Elsa ma non ne è schiava. Se la scorsa stagione era incentrata sulla de-costruzione, sullo spingersi oltre i confini di ciò che era la couture, sul cercare di rovesciare tutte le sue regole non dette, sul fare cose che non dovevamo fare, in questa stagione ha sentito una nuova libertà. Quella di fare qualcosa di ferocemente, innegabilmente, inequivocabilmente bello – perché a volte bisogna ribellarsi alla bellezza per ritornare ad essa.

La collezione onora il potenziale della forma d’arte ed è stata concepita in tre parti. La prima rende omaggio alle giacche Schiaparelli del passato. Ci sono riferimenti alle prime e iconiche forme della Maison, nella giacca cropped in denim bianco di ispirazione matador, impreziosita da ampie maniche a botte ricamate con nappe di seta nera, da indossare sulla gonna di tulle strutturata. C’è un omaggio diretto al capolavoro di Jean Cocteau per Schiaparelli del 1937, in quella in crêpe di lana nera a maniche curve, tempestata da un ricamo di rose di seta color conchiglia.

Ci sono anche riferimenti nel Look 1 in impalpabile seta multicolore, un modello creato rimettendo insieme tra loro autentici campioni Schiaparelli vintage. Tutti i capi sono in conversazione con alcune delle creazioni più irriverenti e fantasiose di Elsa Schiaparelli della fine degli anni ’30, ricreate qui nella Maison da Lesage, usando molte di quelle tecniche e materiali.

La seconda parte della collezione si concentra sul corpo e sui bijoux, un elemento chiave del vocabolario visivo della casa. Qui dialogano potenza e morbidezza, macchina e uomo, metallo e tessuto. Un delicato paio di polmoni umani, apparentemente realizzati da una rete di capillari immersi nell’oro, illumina e fa diversamente respirare un severo abito di crêpe nero. Abbinate a una stola nera, composta da sacchi della spazzatura tagliuzzati, sagome e strutture del busto sono lavorate a maglia in pura seta.

Anche i bijoux diventano ricami: il naso, la pancia, infinite paia di labbra e occhi di ceramica, in un oro patinato a mano d’ispirazione giacomettiana e patrimonio della maison, incastonati in cornici rococò. Gli accessori: una minaudiere a forma di labbra giganti; un fermaglio da cintura con una mano che sembra abbracciare chi lo indossa in vita.

Infine, la celebrazione del colore. L’abito di velluto nero perfettamente aderente, con una gigantesca rosa shocking di faille di seta al centro. Un abito di velluto di seta con seni morbidi, semi-conici e, nella parte posteriore, un ventaglio croccante di peau de soie blu rinascimentale. Tutto vuole sembrare sia esagerato che voluto, a cominciare dai colori – blu fiordaliso, rosa salmone, arance terracotta – sgargianti e gioiosi come le forme.

Una collezione smaccatamente emotiva, vertiginosa come l’innamoramento. Un tributo al romanticismo, all’eccesso, ai sogni. C’è qualcosa di più urgente oggi, che sognare in grande? Di sognare un mondo migliore? Di afferrare ogni pezzo di bellezza con entrambe le mani?