Stella McCartney capsule collection 2020: “We Are the Weather”

Stella McCartney presenta la nuova capsule collection “We Are the Weather”, che prende il nome dall’omonimo libro di Jonathan Safran Foer. Scoprite tutti i look della collezione su Globe Styles

Stella McCartney capsule collection 2020 – Stella McCartney presenta la nuova capsule collection “We Are the Weather”, che prende il nome dall’omonimo libro sul cambiamento climatico, firmato dal saggista e ambientalista Jonathan Safran Foer. La collezione “We Are the Weather”, che fa parte della collezione Spring 2020, è animata da uno spirito di impegno e provocazione dai toni positivi e commoventi.

Lanciando un messaggio provocatorio di impegno, le stampe della collezione presentano frasi poetiche tratte dal romanzo di Jonathan come “Siamo totalmente liberi di vivere in modo diverso”, che arricchiscono capi ready-to-wear, maglieria e accessori sia femminili che maschili.

Le illustrazioni grafiche a forma di sole creano un look New Age dal fascino giovane e cult. Aggiungono un tocco di raffinatezza i nastri ricamati con messaggi scritti a mano, che impreziosiscono l’elegante sartoria Savile Row.

In linea con l’impegno costante di Stella per il rispetto dell’ambiente, nella collezione vengono utilizzati solo tessuti sostenibili: cotone organico, canapa, lino organico e cashmere rigenerato.

Il cotone organico è cotone coltivato (per almeno tre anni) senza l’uso di pesticidi tossici e persistenti, fertilizzanti sintetici o ingegneria genetica. La produzione di cotone organico implica un uso efficiente dell’acqua, il bando di sostanze chimiche nocive, il rispetto e il risanamento delle condizioni del terreno e l’adeguamento a elevati standard sociali e lavorativi per gli agricoltori.

Il lino è una fibra naturale resistente ricavata dalla pianta del lino, che può essere coltivata e lavorata senza sostanze chimiche, se viene fatta crescere con metodi biologici. Può anche essere coltivato su terreni marginali non adatti alla produzione di colture alimentari.

Il cashmere rigenerato proviene dagli eccessi tessili pre-consumo, cioè eccessi creati durante il processo di produzione. Questi eccessi vengono smistati, riciclati meccanicamente e trasformati in un bellissimo filato rigenerato in Italia.

credit image by Press Office