Venini Ron Arad Where are my glasses?: la nuova collezione di vasi Under, Single Lens e Double Lens

Where are my glasses? Venini presenta il progetto ironico e provocatorio firmato da Ron Arad. Scoprilo su Globe Styles

Sperimentazione e creatività tornano protagonisti delle collezioni Venini con uno straordinario progetto firmato da Ron Arad: Where are my glasses? in occasione della Milano Design Week 2018. Nella visione dirompente e vulcanica del designer, il vetro scopre nuove, ironiche e, a tratti, provocatorie espressioni formali.

Così, la tensione creativa spinge le tecniche di lavorazione della materia prima verso frontiere inedite, per dar vita a un progetto irripetibile. Come è già accaduto nella lunga storia dell’azienda, ancora una volta, il gesto creativo si definisce nella sperimentazione estrema, libera da ogni stilismo e pregiudizio: un momento di assoluta intesa in cui i due protagonisti dell’opera d’arte, il designer e il maestro vetraio, si misurano nella ricerca di una perfezione unica.

Così, dopo Carlo Scarpa, Ettore Sottsass, Mimmo Rotella, Gae Aulenti, Massimiliano Fuksas, Alessandro Mendini, Gaetano Pesce, Tadao Ando e Peter Marino, per citarne alcuni, il nome di Ron Arad va ad aggiungersi alla prestigiosa lista di artisti con cui Venini ha avuto il privilegio di collaborare.

Where are my glasses? è una collezione di tre vasi, Under, Single Lens e Double Lens, che combina vetro e metallo, colore e trasparenza, in un processo produttivo di grande armonia. L’energia sapientemente controllata della soffiatura della materia prima si alterna alla precisione della lavorazione manuale, per raccontare la capacità del vetro di tendersi nonostante la presenza di una matrice indeformabile, che ne contrasta l’espansione smisurata. Prende vita un ossimoro scultoreo, un’armonia tra la spontaneità delle forme e il loro delicato controllo.

L’estro geniale di Ron Arad ha invitato i maestri artigiani di Venini a soffiare il vetro all’interno degli occhiali, finché questi non ne fossero diventati una cintura quasi troppo stretta. Ecco il momento in cui la forma di ogni vaso Where are my glasses? si è concessa per sempre alla forza contrapposta della montatura, cristallizzandosi in straordinari pezzi unici.

“Recentemente ho passato molto tempo a disegnare montature per occhiali, destinate a incorniciare le lenti di vetro. Sempre recentemente mi è capitato di dedicarmi alla soffiatura del vetro. Così, ho pensato di far incontrare questi due mondi”, racconta Ron Arad nello spiegare come è nata questa collezione. “Quando mi chiedono da dove nascano le idee, io rispondo che le idee sono ovunque: il problema non è trovarle, ma capire a quali dare la precedenza. Poi capita che un’idea, da sola, si faccia notare più delle altre e allora è impossibile ignorarla. In questo caso è stato proprio così”.