Campari Entering Red road show 2020: le esperienze esclusive nell’arte e nella luce

Fino ad aprile 2020, Campari accenderà le principali città italiane con un esclusivo road show che regalerà un’indimenticabile drinking experience tra arte e luce. Scoprite tutto su Globe Styles

Campari Entering Red road show 2020 – Prosegue Entering Red, il road show di Campari che accende i 50 locali più esclusivi d’Italia. Fino ad aprile 2020, infatti, gli amanti del brand verranno coinvolti in un’esperienza esclusiva plasmata nella luce.

Il 1 dicembre, il tour farà tappa presso il Dry Milano di Viale Vittorio Veneto 28, un locale che propone un connubio insolito: Pizze & Cocktail. Qui Campari chiuderà in bellezza i festeggiamenti per i 100 anni del Negroni, iconico cocktail nato nel 1919 presso il Caffè Casoni a Firenze, dove venne per la prima volta servito al Conte Camillo Negroni, con il suo equilibrio perfetto tra Campari, Vermouth Rosso e Gin.

La luce rappresenta il filo conduttore di tutto il tour, elemento che unisce Campari a cinema e arte. Da sempre parti fondamentali del DNA dell’iconico brand, trovano la loro quintessenza proprio nella luce da cui nascono, prendono vita e si diffondono.

Nel locale sarà possibile intraprendere un viaggio multisensoriale che avvolge il consumatore, lo circonda di una luce che svela l’intensità emotiva del mondo Campari e la passione che si cela al suo interno. Perché nulla si crea senza passione. Il tour è arricchito, infatti, da opere d’arte ispirate alla luce del “Rosso Campari”, elemento distintivo del più grande marchio di aperitivo italiano.

Tre artisti di fama internazionale sono stati selezionati per rappresentare l’eccellenza italiana riconosciuta nel territorio nazionale e all’estero. Sono nate così tre sorprendenti installazioni che raccontano l’essenza di Campari Entering Red: passione, intrigo, mistero, ma anche ispirazione, creatività e immaginazione.

Massimo Uberti crea con la luce “luoghi per abitanti poetici” attraverso la sottrazione e la rinuncia dell’ingombro. Regia, opera ispirata a una citazione di Federico Fellini, evidenzia la poliedricità della luce e la sua importanza all’interno di un racconto visivo: “La luce è ideologia, sentimento, colore, tono, profondità, atmosfera, racconto. La luce fa miracoli, aggiunge, cancella, riduce, arricchisce, sfuma, sottolinea, allude, fa diventare credibile e accettabile il fantastico, il sogno e, al contrario, può suggerire trasparenze, vibrazioni, dà miraggio alla realtà più grigia, quotidiana […] il film si scrive con la luce, lo stile si esprime con la luce.”

Marco Gallotta, artista italiano residente a New York, grazie alla sua innovativa tecnica del “paper-cutting” si è conquistato uno spazio di assoluto prestigio nei circuiti dell’arte contemporanea statunitense. L’Albero Della Vita, opera che accompagnerà il Red Passion On Air Tour, riassume il trinomio luce-materia-natura: la luce diventa materia i cui riflessi rivelano lati nascosti da attraversare con lo sguardo nella ricerca di una primordiale esperienza. Le forme morbide del tratto ispirate da elementi naturali prendono forma per creare un rifermento rassicurante, intriso di un coinvolgente splendore che spinge alla ricerca del piacere. Un viaggio interiore per ritrovare il gusto della passione, quello di un Campari.

Luca e Andrea Di Cesare, designer italiani di base a Shanghai dove si sono affermati a livello internazionale come art-designers specializzati nella concettualizzazione e realizzazione di spazi polisensoriali e interattivi, presentano Luce ora e sempre. L’installazione indaga i confini epistemologici della luce, frammenta nel tempo e nello spazio la realtà, ne crea numerose coesistenti, contraddittorie ma complementari. Le colonne di alluminio cromato rosso e acrilico fluo rosso occupano lo spazio e, ruotando sul proprio asse, si impadroniscono del tempo in quello spazio restituendo una realtà inaspettata, che la nostra coscienza apprende nel lungo tempo e che invece i nostri sensi ergono subito a verità. Vuoti, pieni, rifrazioni, trasparenze, riflessioni dello spazio, dell’osservatore che diventa oggetto osservato e frammentato di sé stesso, cambiano costantemente e annullano ogni gerarchia di posizione.

DRINKING LIST
Campari Negroni, Campari Americano e Campari Spritz