Moschino Uomo Pre-Fall 2021: dall’analogico al digitale, tutti i look

Moschino Uomo Pre-Fall 2021: grande spazio ad abiti sartoriali, cappotti e blazer doppiopetto che donano all’uomo un’aria da dandy.

Moschino Uomo Pre-Fall 2021 – Da numeri stampati su un giornale sbiadito, ad una raffica di testi in technicolor, la collezione Moschino Uomo Pre-Fall 2021 di Jeremy Scott trova la sua forma di espressione in un mondo di comunicazioni scritte.

Moschino Uomo Pre-Fall 2021: il video della collezione

Dall’analogico al digitale: il modo in cui ci trasmettiamo parole e immagini attraverso caratteri è drasticamente cambiato negli ultimi decenni. Scott ha trovato ispirazione non solo nell’evoluzione grafica del linguaggio, ma anche nell’enorme progressione dalla quale viene generato e poi processato.

“Abbiamo tutti constatato quanto potente possa essere un messaggio scritto o digitato, in senso sia positivo che negativo.” ha dichiarato Jeremy Scott. “Un elemento interessante da tenere in considerazione: pensate, l’inglese e moltissime altre lingue sono composte da 26 lettere, 10 numeri e una serie di caratteri. In base però a come usiamo questi elementi, in un hashtag sui social media o un Tweet nel quale qualcuno dice la verità… questo, seppur limitato insieme di simboli, può cambiare il mondo”.

La collezione si apre con un abito con revers a scialle e numeri stampati flock su un tessuto che ricorda un check sbiadito. Questo tessuto, insieme al Principe di Galles, aggiunge un tocco nostalgico; grande spazio ad abiti sartoriali, cappotti e blazer doppiopetto che danno un’aria da dandy (ma che indossa combat boots).

Emerge inoltre un motivo che raffigura memorabilia stampati. Ritagli di giornali e magazine sono assemblati in collage marrone-blu-violacei, come un album indossabile fatto di ritagli di tabloid degli anni ’80 e ‘90. Il collage è un’estetica fondamentale all’interno della collezione e lo ritroviamo anche su Bermuda shorts, camicie Western e cappotti.

Scott raggiunge infine l’era digitale: una stampa elettronica, che include parole quali “Secure,” “Privacy,” “Hacked,” “Contents,” e “Device”, è decodificata attraverso hoodies, piumini e zaini.

Questi ultimi utili a catturare l’immensa quantità di messaggi che immagazziniamo quotidianamente attraverso i nostri schermi. I termini appaiono allungati e distorti, come se fossero visti attraverso una spessa e deformante lente di ingrandimento.

A sintesi del pensiero di Scott, una semplice ma efficace rielaborazione del logo Moschino che si compone dei più comuni simboli che troviamo sulla tastiera e utilizziamo sui social media come il cancelletto e la chiocciola: MO$¢#!N@