Giada autunno inverno 2021: i tableaux artistici di Paolo Roversi, il video e tutti i look

Giada autunno inverno 2021: la collezione si caratterizza per la purezza delle linee e le silhouette eleganti dalla costruzione sofisticata.

Giada autunno inverno 2021 – Il potere rigenerante della Natura, la sua aura terapeutica e la bellezza confortante che regala al mondo: Giada celebra il nostro desiderio di radici profonde che la Natura può offrire, in tempi di difficoltà e cambiamenti.

“Gli alberi sono saldamente piantati nella terra, però i rami e il fogliame si innalzano verso il cielo, in cerca di luce e leggerezza”, spiega il Direttore Creativo Gabriele Colangelo. Nella collezione autunno inverno 2021 2022, fa riferimento alle strutture corrugate della corteccia d’albero come se fossero opere d’arte dall’aspetto organico, traducendone i motivi elaborati nei preziosi materiali che sono uno dei tratti distintivi di Giada.

Giada autunno inverno 2021: il fashion film

Le loro superfici, la fluidità sinuosa del cashmere di zibellino; le ricciute doppie lane bouclé; il morbido cashmere yangir; il fresco misto di cashmere e mohair avvolto in strati di organza dégradé; la setosità della pelle plongé replicano la tattilità rugosa dei tronchi d’albero o la chiarezza grafica della venatura del legno, strizzando l’occhio al lavoro dell’artista di Chicago Ryan Tippery.

Le sue versioni astratte di materiali organici naturali controbilanciati da elementi piatti a blocchi di colore fungono da tela per l’evocativa palette della collezione. Un vivido color cachi vibra in contrasto con l’intensità dei marroni del legno, sfumandosi lentamente in tonalità più tenui di caramello, burro e banana.

Come sempre con Giada, la purezza delle linee e le silhouette eleganti nascondono una costruzione sofisticata. I cappotti sono slanciati e allungati, con spalle accentuate per esaltare postura e presenza; la maglieria imita le trame organiche dei tessuti con effetti illusionistici. Le mantelle regolabili con collo a cratere in diverse lunghezze sono un leitmotiv della collezione; indossate su asciutti cappotti da città o su abiti eleganti con gonna plissettata a ruota, aggiungono interesse visivo alle forme limpide, raffinate.

Un dinamico senso di movimento è attivato dai giochi di pieghe che spuntano sul dietro di un trench in pelle, o volteggiano in gonne alla caviglia, aggiungendo femminilità e volume e stemperando leggermente la chiarezza della costruzione. Dettagli decorativi discreti percorrono tutta la collezione: fiocchi tubolari di pelle e accenti geometrici in metallo diventano cinture, bottoni o cinturini che tengono insieme tuniche o top tricot; gli stessi motivi, ispirati ai nodi del legno di vecchie cortecce d’albero o dalla forma ottagonale portafortuna, riecheggiano nelle chiusure delle borse di forma geometrica o sono tradotti in delicati braccialetti a catena, collane e orecchini.

Gli stivali e le scarpe dalla punta squadrata hanno un solido tacco in legno o cavigliere che sottolineano il fil rouge organico, ispirato alla natura, della collezione. Femminilità e rigore; natura e sofisticazione; chiarezza e sensualità; espressione e compostezza. Il lessico di Giada scrive una narrativa complessa, pertinente, perfettamente adatta a trasmettere lo spirito del nostro tempo.

Giada ha presentato la collezione durante la Fashion Week di Milano attraverso una collaborazione con l’illustre fotografo Paolo Roversi, sotto forma di mostra di fotografia. La qualità immateriale delle sue immagini risponde intrinsecamente alla purezza dell’estetica di Giada, una conversazione in cui grazia e raffinatezza sublime si fondono in una perfezione alchemica. Otto tableaux di Roversi sono stati esposti nel concept store e Giada Caffè, trasformato per l’occasione in galleria d’arte.