Paul Verhoeven intervista Cannes 2021: Benedetta, religione, sesso e potere,

Paul Verhoeven intervista Cannes 2021: il regista di “Basic Instinct” torna al Festival con Benedetta, un film tratto da una storia vera.

Paul Verhoeven intervista Cannes 2021 – Alla fine del XVII secolo, con la peste che devasta il paese, Benedetta Carlini si unisce al convento di Pescia, in Toscana, come novizia. Capace fin dalla tenera età di compiere miracoli, l’impatto di Benedetta sulla vita della comunità è immediato e epocale. Paul Verhoeven ci racconta il suo nuovo film, presentato in concorso al Festival di Cannes 2021.

Come sei venuto a conoscenza della storia di Benedetta?

“Originariamente, dal mio sceneggiatore olandese, Gerard Soeteman, che mi ha dato il libro di Judith C. Brown, Immodest Acts: The Life of a Lesbian Nun in Renaissance Italy, scritto circa trent’anni fa. Iniziamo a lavorare su un adattamento del libro, ma non eravamo d’accordo sulla sessualità, sul finale e così via. In cinquant’anni di lavoro insieme, avevamo già sperimentato disaccordi, ma in questo caso non siamo riusciti a trovare alcun terreno comune. Quando Gerard ha gettato la spugna, mi sono rivolto al mio sceneggiatore americano David Birke, che aveva scritto Elle. David è venuto a casa mia in modo che potessimo parlare del libro di Brown e decidere quali scene ce l’avrebbero fatta nel film. È stato allora che abbiamo deciso di aggiungere una scena di rivolta, che non era nel libro, alla fine del film. Poi David ha scritto la sceneggiatura, trovando un superbo equilibrio tra religione, sessualità e politica ed intrighi della Chiesa, cosa non facile.”

Cosa ti interessava più di ogni altra cosa della storia?

“È una storia unica. Judith C. Brown ci si è imbattuta durante la ricerca per un suo altro progetto negli archivi a Firenze. Aprì una scatola, e trovò il verbale del processo a Benedetta, avvenuto nei primi giorni XVII secolo. È rimasta colpita e incuriosita. È un documento raro. Non ci sono altri processi conosciuti di lesbiche nella storia del cristianesimo. Inoltre, sono rimasto colpito da quanto siano precisi il processo e il libro nella descrizione della sessualità. Nel documento originale, il cancelliere era così scioccato dai dettagli sessuali descritti da Bartolomea, la suora che dormiva con Benedetta, che a malapena riusciva a scriverli! Ha lasciato spazi vuoti, ha cancellato le parole, le ha riscritte… Bartolomea è stata molto esplicita nel suo resoconto di come si sono leccate. È davvero molto interessante. Il terzo aspetto che mi ha motivato è che Benedetta era una donna del 17° secolo che aveva acquisito un vero potere, sia nel suo convento di monache sia nella città di Pescia. Benedetta era famosa come santa e badessa del convento. Ha raggiunto posizioni di potere attraverso il suo talento, le sue visioni, le manipolazioni, le bugie e la creatività. Qualunque sia stato il mezzo che ha utilizzato, l’ha gestito in una società e in un’epoca totalmente dominata dagli uomini. Le donne non contavano nulla, tranne la gratificazione sessuale e la riproduzione maschile. Non ricoprivano incarichi di potere.”

Con questo racconto hai voluto anche mostrare il conflitto tra la fede, nella sfera privata, e il clero, come componente di un sistema di potere?

“Non era mia intenzione all’inizio, ma il tema è una parte intrinseca della storia di Benedetta. Se ti avvicini a guardare il suo caso, era chiaramente una credente fervente. Le sue visioni di Gesù potrebbero essere state «autentiche», pur essendo un mezzo per ottenere ciò che voleva. Benedetta credeva davvero di essere la sposa di Gesù. Ogni volta lo «vede» come un pastore che guida il suo gregge, secondo l’immaginario evangelico di San Giovanni. Dal momento in cui Bartolomea si unisce al convento, circa sessanta minuti del film sono dedicati alla graduale cristallizzazione della loro storia d’amore lesbica. Dopo che Bartolomea infila per la prima volta un dito nel sedere della sua amante, Benedetta ha una visione, quella in cui vede serpenti. Il serpente rappresenta Bartolomea, un pericolo, un peccato significativo, qualcosa che non dovrebbe fare. Il sesso tra le donne erano severamente vietato. Benedetta «vede» Gesù, che le dice che deve resistere a Bartolomea e restare con lui. A questo punto, Benedetta sta ancora vivendo nell’ortodossia religiosa del tempo. Lei obbedisce a Gesù e si attiene alle regole. Lei punisce anche Bartolomea costringendola ad immergere le mani nell’acqua bollente in una dimostrazione d’amore. Alla fine, l’attrazione erotica è troppo forte. E poi Benedetta ha un’altra visione, in cui Gesù le dice che le precedenti apparizioni erano un falso Gesù, un impostore. Le visioni di Benedetta la portano in direzioni opposte a seconda delle circostanze! Più tardi, ha un’altra visione di Gesù che ordina a Benedetta di spogliarsi nuda, dicendo che non c’è vergogna in questo. Le visioni di Benedetta le forniscono ciò di cui ha bisogno. Ha il suo Gesù privato costantemente al suo fianco. Certo, quel Gesù è una creazione del suo cervello. È la psiche di Benedetta a generare le visioni, ma lei ci crede sinceramente. Nella mia mente Benedetta sogna un Gesù che le permette di avere rapporti sessuali con Bartolomea.”

Il film non dice mai se Benedetta è una mistica un po’ squilibrata o una manipolatrice, o entrambe le cose. Fino alla fine, si mantiene l’incertezza sulla sua natura più profonda.

“Molto probabilmente, era un po’ entrambe le cose. È consapevole delle sue manipolazioni? Manipola in buona o cattiva fede? In Total Recall, la storia vissuta da Arnold Schwarzenegger è un sogno o una realtà? Entrambe le interpretazioni sono valide. Lo stesso vale per Benedetta. Due verità coesistono, e il film non dice quale sia la vera verità. Devi accettare che alcuni fatti possono essere visti da due diverse prospettive. In Basic Instinct, l’assassina è Sharon Stone o l’altra ragazza? Non lo sappiamo. Penso che, nella vita, ci siano diversi modi di vedere le cose, e tutti noi abbiamo le nostre verità soggettive. Ecco perché non voglio dire al pubblico che Benedetta è sicuramente una mistica o chiaramente una bugiarda. Ogni membro del pubblico prenderà la sua decisione. Nel film vedete un buon esempio di queste duplici realtà quando colpisce la peste: Benedetta dice alla folla di Pescia che Gesù li proteggerà, poi ordina ad un soldato di chiudere le porte della città, istituendo una sorta di lockdown! Mostra ancora una volta la sua duplice natura di credente e politica”.

Tornando al rapporto di Benedetta con Bartolomea, volevi mostrare uno dei temi centrali nella religione, che è la negazione del desiderio e del piacere sessuale, il ripudio del corpo, specialmente del corpo femminile?

“La Chiesa non proibisce i rapporti sessuali, tranne che per i membri del clero. Non ho fatto questo film con l’obiettivo di attaccare la religione cattolica o qualsiasi altro sistema di credenze. Tuttavia, credo che noi siamo umani, fondamentalmente, animali, giusto? Abbiamo un corpo e degli istinti. Benedetta non resiste al richiamo della carne, ma perché lei dovrebbe resistere? Sarebbe stupido. Fondamentalmente, gli esseri umani sono primati. Adamo ed Eva, la mela, il serpente, l’albero della conoscenza del bene e del male, niente di tutto questo è mai esistito! Penso che la conoscenza e l’apprendimento siano buone cose. La scienza dice la verità, le leggende raccontano storie. Ecco come la vedo io. Ovviamente questo viene fuori nel mio film. Io mostro quello che la religione proibisce, soprattutto per quanto riguarda il sesso, ma non sono d’accordo.”

Dimostri anche quanto siano ipocriti quei divieti, dal momento che il Nunzio sembra andare a letto con le prostitute.

“Non lo mostro, lo consiglio. Allo stesso modo in cui la sua cameriera potrebbe essere incinta di lui. Sì, mostro l’ipocrisia e la corruzione nel cuore delle autorità religiose. Per me la battuta più interessante arriva alla fine, quando il Nunzio sta per morire. Chiede a Benedetta se andrà in paradiso o all’inferno. Dopo una pausa, lei risponde: «Paradiso». E il Nunzio le dice: «Fino in fondo menti». Vuol dire che il Nunzio non ha mai creduto nelle visioni di Benedetta. Oppure non crede nella sua redenzione. Una volta di nuovo, non sappiamo chi ha ragione e chi ha torto, chi mente e chi dice la verità.”

Bartolomea e Benedetta usano una statuetta della Vergine Maria come dildo. È più di un oggetto, è il simbolo perfetto che racchiude il conflitto tra tabù cattolici e sesso, tra corpo e mente, che è presente per tutto il film.

“Per Bartolomea è solo un oggetto. Per Benedetta l’oggetto ha un alto valore simbolico, ma lo abbandona nel corso del suo viaggio verso l’amore. C’è uno scatto in cui Benedetta e Bartolomea compiono atti sessuali proibiti, mentre sullo sfondo, la statua della Vergine Maria è illuminata da una candela. Quello scatto riassume tutto: ignoriamo le regole e i tabù, facciamo quello che vogliamo.”

Diresti che Benedetta è un film femminista?

“Non avevo intenzione di fare un film attivista, ma è vero che la storia può essere vista come femminista. Non penso mai in termini attivisti
quando faccio film. Sono interessato a ciò che è in gioco narrativamente e tematicamente in una storia. Benedetta, in questo caso. In molti dei miei film, le donne sono al centro.”

Sarebbe giusto dire che Benedetta è un film sulla libertà che è molto rilevante per i tempi che stiamo vivendo?

“Perchè no? Potresti dirlo, certo, ma non è così che ho concepito il film. Quando inizio un progetto, non so davvero perché lo sto facendo. Non mi pongo questo tipo di domanda. Come ho detto, ero attratto dall’audacia e dall’unicità della storia e dalla combinazione di cristianesimo e sessualità lesbica. Il personaggio mi interessava, mi interessava la domanda se è possibile manipolare le persone senza renderti conto che le stai manipolando. Inoltre, sono sempre stato incuriosito da Gesù. Ho anche scritto un libro su di lui. Questo film mostra il mio interesse per la
religione così come i miei dubbi sulle realtà religiose. Tutto ciò che mi ha perseguitato per molto tempo, ma non ho mai pensato, farò un film sulla libertà.”