Pitti Uomo Giugno 2018 MINI: la Fashion Field Notes Capsule Collection

Mini ha presentato la nuova Capsule Collection, denominata Mini Fashion Field Notes, a Pitti Uomo 94. Scoprila su Globe Styles

Mini ha presentato la nuova Capsule Collection, denominata MINI FASHION FIELD NOTES, a Pitti Uomo 94. La collezione, a tiratura limitata, è il risultato di una collaborazione tra MINI e The Woolmark Company, votata principalmente alla promozione di giovani designer talentuosi.

La collezione MINI FASHION FIELD NOTES Capsule Collection, composta da 16 pezzi, è frutto del lavoro di quattro stilisti internazionali emergenti che traducono ricordi personali di viaggio in esemplari di moda utilizzando la migliore lana Merino. Il risultato è una serie di prodotti di grande ispirazione per il viaggiatore urbano.

I designer coinvolti nella MINI FASHION FIELD NOTES Capsule Collection, ovvero Liam Hodges, Staffonly, PH5 e Rike Feurstein, sono tra i nomi più nuovi e accattivanti della moda. Inoltre, la maggior parte di loro è parte del team di alumni dell’International Woolmark Prize, uno dei premi più famosi al mondo per i talenti emergenti del mondo della moda. I prodotti presenti nella nuova capsule collection riflettono le esperienze di Hodges, Staffonly, PH5 e Feurstein, espresse attraverso una varietà di colori, forme e materiali, nonché utilizzi contemporanei e innovativi della lana come materiale principale.

Liam Hodges, Gran Bretagna

Il designer britannico Liam Hodges vive e lavora a Londra. Il suo lavoro trae ispirazione dalle sub-culture moderne, dall’abbigliamento hip-hop, dallo streetwear britannico e dalle influenze post-punk, che Liam fonde in accostamenti incisivi e multi-livello. Gli elementi distintivi includono ampie silhouette, patchwork e riferimenti a indumenti da lavoro resistenti, nonché all’abbigliamento sportivo.

Queste caratteristiche sono presenti anche negli abiti dedicati alla MINI FASHION FIELD NOTE Capsule Collection, che raccontano le storie dei suoi incontri a New York. “La prima volta che visitai New York fu con i miei genitori. La seconda volta che ci andai- ormai adulto – ero determinato a conoscere Brooklyn e gli altri quartieri della città. Sebbene tutto fosse nuovo e affascinante, avevo la sensazione di essere già stato lì prima – fu una sorta di déjà vu. Era quasi inquietante.” I suoi progetti per MINI hanno anche un tocco di novità, seppur familiare, attraverso l’uso di materiali classici come jeans, e l’introduzione della novità rappresentata dalla lana (soprattutto Wool Denim). A completare il look di Hodges, una copertura per auto, un cappello a secchiello e una borsa da viaggio in tessuto di lana idrorepellente che riporta il classico design Prince of Wales.

Staffonly, Cina

Shimo Zhou e Une Yea hanno fondato nel 2015 l’ancora giovane etichetta Staffonly a Shanghai. La loro idea di moda combina tecnologia e design con esperimenti su materiali e colori per un’ironica e provocatoria interpretazione del soggetto che si arricchisce di silhouette inedite e scolpite. I loro disegni trasmettono curiosità e senso dell’umorismo, per non parlare dell’audacia di esplorare un mondo ancora sconosciuto.

Tutto molto vicino allo stile MINI FASHION, in altre parole. Le loro creazioni per la MINI FASHION FIELD NOTES Capsule Collection si concentrano su Greenwich Park in Inghilterra, un rifugio di tranquillità per i designer durante i loro studi a Londra. “Greenwich è la casa del tempo. È un posto idilliaco, magico, con una meravigliosa vista su Londra”, spiega Museonly. “È il posto perfetto per fuggire dalla città in un attimo. Il verde, il profumo dell’erba appena tagliata, il tè Earl Grey ci ricordano I momenti speciali che abbiamo trascorso lì”. Il verde lussureggiante dei prati del Greenwich Park rappresenta il tema centrale del colore per questo contributo alla collezione in edizione limitata. E la Meridian Line che attraversa il parco ricorda la Bonnet Stripes su una MINI. Questi due elementi formano il tema di collegamento per il completo di giacca, camicia e jeans patchwork di Staffonly. Uno dei punti salienti della loro creazione è il borsone coordinato, che diventa anche borsa per indumenti e si rivela un comodo accessorio per qualsiasi viaggiatore urbano.

PH5, USA

Scoperta da Wei Lin – figlia di un grande produttore di maglieria e dalla pluripremiata designer Mijia Zhangin a New York nel 2014, PH5 si è specializzata in maglieria moderna. La sua etichetta sfida la visione convenzionale della maglieria attraverso stravaganti disegni. PH5 si propone di realizzare un tipo di maglieria che va oltre i confini, attraverso un tocco nuovo e giocoso.

I pezzi dedicati alla MINI FASHION FIELD NOTES Capsule Collection sono ispirati al distretto Art Deco di Miami Beach. “Quando ho visto per la prima volta questi palazzi sbalorditivi, è stata una sensazione speciale: forte entusiasmo, allo stesso tempo gentile e quasi sottovalutato. L’Art Deco è un movimento di design estremamente influente per me. Il design e la lavorazione sono straordinari, i colori e le decorazioni mi hanno guidato anche in gran parte del processo decisionale”, svela Mijia Zhangin. La stessa combinazione di colori pastello e particolari caratteristiche tecniche di design si possono trovare anche nella maglia in jacquard di lana intrecciata con loghi MINI e PH5, una tuta senza maniche in maglia e scialle lavorato a mano, ideale anche come plaid da viaggio.

Rike Feurstein, Germania

Il lavoro del designer berlinese Rike Feurstein si muove sulla sottile linea tra arte e moda. Profondamente radicato nel mestiere quasi estinto di modista, Rike scolpisce cappelli e abiti con forme d’avanguardia. Con occhio acuto e pittorico, sperimenta sorprendenti combinazioni di colori, inventa nuovi tipi di strutture superficiali e gioca con dettagli surrealisti, creando vestiti e accessori contemporanei, esclusivi ed eleganti.

I suoi tre pezzi per la MINI FASHION FIELD NOTES Capsule Collection prendono ispirazione da un viaggio in Russia, in particolare dal Palazzo di Caterina a sud di San Pietroburgo, la sede originale della leggendaria Amber Room. “Relativamente all’estetica dei miei progetti, ho guardato ai tempi della Rivoluzione russa oltre 100 anni fa. Riescono a combinare elementi pre e post-rivoluzionari con l’estetica moderna della mia attuale collezione di cappelli in feltro. La combinazione di colori utilizza sfumature di pietre preziose come l’ambra (per il cappello di Newsboy), il granato (cappello a bombetta) e lo smeraldo (cappuccio di base moderno) per celebrare lo splendore del palazzo di Caterina.”