Bohemian Rhapsody film 2018: il mito e l’uomo, lo speciale costumi di scena

Bohemian Rapsody uscirà nelle sale italiane il 29 Novembre con Rami Malek, Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joe Mazzello, Aidan Gillen, Tom Hollander, Allen Leech, Aaron McCusker e Mike Myers. Scopritelo su Globe Styles

Bohemian Rhapsody film 2018 – L’iconica “We Will Rock You”, il coro di “We Are the Champions”, l’ipnotica “Bohemian Rhapsody”… Chi di noi non è spinto a cantare quando ascolta queste canzoni? Chi di noi può non battere i piedi? Chi può dimenticare il momento in cui durante il concerto Live Aid del 1985 Freddie Mercuryè salito sul palco e ha mandato la folla in delirio?

Bohemian Rapsody uscirà nelle sale italiane il 29 Novembre e sono già trascorsi più di 25 anni dalla morte del fiammeggiante ed unico Freddie Mercury, eppure la sua musica è ancora viva e palpitante. Freddie ha ridefinito e superato gli stereotipi, proprio come la musica dei Queen si rifiuta di essere inserita in qualsiasi genere tradizionale. Forse è per questo che la band è un fenomeno unico, multiculturale e globale.

E’ Rami Malek ad indossare i panni del mito ed afferrare il microfono per vestire i panni del Re del pop rock in Bohemian Rhapsody, una vera festa che invita a battere i piedi e a cantare in sala. Un film emozionante che celebra non solo la musica dei Queen e di Freddie Mercury, ma che racconta anche la sua vita straordinaria.

Protagonista accanto a Malek è Lucy Boynton nei panni di Mary Austin, Gwilym Lee nel ruolo del chitarrista Brian May; Ben Hardy nel ruolo del batterista Roger Taylor; Joe Mazzello è il bassista John “Deacy” Deacon; Aidan Gillen nel ruolo del primo manager dei Queen, John Reid; Tom Hollander è l’avvocato del gruppo, diventato poi il manager Jim, “Miami” Beach; Allen Leech veste i panni di Paul Prenter, assistente di Reid che divenne poi il manager personale di Freddie Mercury; Aaron McCusker nel ruolo del fidanzato di lunga data di Freddie, Jim Hutton; e Mike Myers interpreta Ray Foster della EMI Records.

BOHEMIAN RHAPSODY: L’INIZIO DELLA STORIA


Il produttore Graham King fu persuaso ad acquistare i diritti sulla storia di Freddie Mercury e della band Queen dallo scrittore pluripremiato Peter Morgan. “Stavo girando il film Hugo, quando Peter mi ha chiamato e mi ha chiesto se mi piacesse la band Queen”, ricorda. “Ho detto sì, io amo i Queen! E mi ha detto che stava scrivendo questo copione sui Queen e che nessuno aveva i diritti sulla loro storia.”

King sapeva qualcosa sulla vita di Freddie dall’essere cresciuto a Londra negli anni ’70 e ’80 e dopo una lunga conversazione telefonica con Jim Beach, l’avvocato dei Queen, King fu presentato ai fondatori, il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor, e il progetto fu siglato.

Come previsto da King, May e Taylor erano inizialmente preoccupati per il progetto, ma il curriculum di King ha placato le loro ansie. King è l’uomo che ha prodotto film su personaggi importanti come Howard Hughes con The Aviator e Muhammad Ali con Ali, oltre che ex L’ufficiale della CIA Tony Mendez con Argo.

“Il film è una celebrazione della musica e porta avanti l’eredità dei Queen e di Freddie e mostra ad un’intera nuova generazione Freddie Mercury – il suo passato a Zanzibar, il suo arrivo a Londra come immigrato, i pregiudizi che ha affrontato durante la crescita, la sua timidezza e le insicurezze sul suo aspetto, come abbia sempre combattuto su tanti fronti diversi, la sua incredibile creatività come cantautore e musicista, come abbia trovato un’altra famiglia nella band, il tutto incorniciato dalla creazione di melodie innovative ed uniche per l’epoca. Il periodo che va dal 1970 al 1985 è stata la parte più importante della vita di Freddie e della band, e si conclude con il trionfo di Live Aid” spiega King.

May e Taylor hanno fatto parte del team durante l’intero processo creativo, proprio come King voleva, e il loro coinvolgimento ha assicurato che il film rimanesse fedele alla storia. “Il film racconta le loro storie di vita e nessuno le conosce meglio di loro”, prosegue. “Potevamo leggere tanti libri e articoli, guardare quanti video volessimo, ma quando puoi davvero sederti con i ragazzi che ti possono far conoscere la vera storia, con chi può raccontarti davvero aneddoti su Freddie che altrimenti non scopriresti mai, questo era fondamentale per la riuscita del film. Il punto fondamentale poi per me era che tutti i soggetti coinvolti fossero orgogliosi della narrazione, essere orgogliosi di un film sulla storia della loro vita che sarebbe stata mostrata al mondo.”

King è anche orgoglioso del fatto che il film sia riuscito a mostrare come la band riusciva a creare la musica, il loro processo creativo. “Come fa una band a creare la propria musica? È una cosa davvero difficile da mostrare sullo schermo. Il pubblico sarà davvero contento di vederlo. Il film non è solo la storia di Freddie, è anche la storia di come hanno creato il loro sound. Come hanno inventato Bohemian Rhapsody”.

Il film inizia e finisce con l’iconica performance Live Aid dei Queen. Live Aid è stato uno degli eventi culturali più importanti degli anni ’80, che ha riunito le più grandi star del mondo in un concerto di beneficenza su due palcoscenici, il Wembley Stadium di Londra e il John F Kennedy Stadium di Filadelfia, il 13 luglio 1985.

Organizzato da Bob Geldof e Midge Ure per raccogliere fondi per le persone colpite dalla carestia in Etiopia, il concerto è stato uno dei più grandi collegamenti satellitari e trasmissioni televisive di tutti i tempi, visto da un pubblico di 1,9 miliardi di persone in 150 paesi in tutto il mondo.

La decisione di chiudere la storia con quell’incredibile esibizione dal vivo aveva perfettamente senso per King e per tutta la squadra. Il concerto arrivò in un momento cruciale in quanto riportò la band insieme dopo il trasferimento di Freddy Mercury in Germania, dove registrò due album da solista. Era anche il momento in cui Mercury era sotto l’influenza di Paul Prenter, circondato da persone che stavano sfruttando la sua generosità e lui stava cadendo pericolosamente in una spirale di abuso di droga e alcol.

Trovare gli attori giusti per interpretare i ruoli è stata un’esperienza scoraggiante, in particolare quando si trattava di trovare Freddie Mercury. Il ruolo era impegnativo. Non solo l’attore deve essere in grado di trasmettere la complessità emotiva di Mercury, ma, date le numerose ricreazioni delle performance live dei Queen, ha anche dovuto capire i movimenti e la danza, che erano elementi importanti per il personaggio di Mercury.

Rami Malek è stato l’attore che King e i cineasti hanno scelto per entrare nei panni di Mercury. Malek ama la loro musica ed era entusiasta di avere la possibilità di scoprire di più su questa icona musicale. “Sapevo che i Queen erano famosissimi e Freddie Mercury era un’icona ed un eroe per tante persone”, afferma Malek. “Ma non penso di aver capito completamente quanto sia stato importante per così tante persone in tutto il mondo. Sono sempre stato un loro fan, ma è stato solo quando ho iniziato a fare ricerche sulla band che ho capito i loro inizi negli anni ’70, quando avevano tutti i capelli lunghi e le unghie nere e indossavano abiti oltraggiosi. Penso che la maggior parte delle persone identifichi Freddie come un uomo muscoloso, baffuto, con una canottiera. È stato sorprendente conoscere i molti lati della sua complessa personalità e il suo lato molto dolce.”

Il cast comprende poi Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joe Mazzello, Aidan Gillen, Tom Hollander, Allen Leech, Aaron McCusker e Mike Myers.

BOHEMIAN RHAPSODY: I LUOGHI


Una band e un front man per i quali lo stile era fondamentale, non sorprende dunque che il design, i costumi e le ambientazioni del film fossero un elemento chiave. Boa di piume, mantelle di ermellino e velluto, bagni in marmo, leoni placcati in oro, gli elementi nel film ci sono tutti.

Il compito è stato affidato allo scenografo Aaron Haye, il cui occhio esperto ha cercato le location: Bovingdon Airfield nell’Hertfordshire, il glorioso capolavoro art déco Hornsey Town Hall a nord di Londra, gli LH2 Studios nella zona ovest di Londra, il famoso club londinese Heaven e lo splendore edoardiano di Bromley Town Hall nel sud-est di Londra.

La produzione ha utilizzato anche l’edificio Gillette nel sud-ovest di Londra per la maggior parte delle scenografie del film. Tra questi c’era il palcoscenico Top of the Pops, Capitol Radio, la casa della famiglia Bulsara, Garden Lodge, l’hotel a Rio de Janeiro e la fattoria dove Freddie ha composto “Bohemian Rhapsody” e tre studi di registrazione.

Haye iniziò a cercare immagini dei Queen e di Mercury. Dopo aver setacciato migliaia di foto, molte senza date ma guidato dalle acconciature di Freddie che si sono accorciate nel tempo, è stato in grado di creare una cronologia che andava dal 1970 al 1986.

Haye e il suo team sono stati aiutati enormemente dall’accesso agli archivi personali di Brian May e dal consulente storico Peter Freestone, che gli ha mostrato tutte le sue fotografie personali.

Continua Haye: “Una volta che avevamo la timeline, ho utilizzato un approccio con i colori del 1970, 1975, 1978, 1982, ecc. Abbiamo realizzato una timeline più lunga e abbiamo provato ad attenerci a quelle tavolozze nella costruzione del set e del guardaroba. Mentre gli anni ’60 si trasformavano negli anni ’70, ci sono meravigliose tonalità calde che sono arancione e marrone: colori caldi e terrosi. Dalla metà alla fine degli anni ’70, inizia ad avere quasi una tavolozza da discoteca: i colori primari iniziano a spuntare un po’ di più fino agli inizi degli anni ’80, e c’è una tavolozza di colori neon e più luminosi.”

Uno dei primi set chiave è la casa di famiglia di Freddie a Feltham, nel Middlesex. Haye e la sua squadra hanno avuto la fortuna di entrare nella vera casa di Bulsara, ora occupata da un’altra famiglia. “A questo punto del film, Freddie è un giovane studente d’arte, quindi Haye ha creato una camera da letto piena di quaderni di disegni e schizzi. A cui ha incluso influenze visive dall’India e da Zanzibar.

Uno dei set più grandi e impegnativi è stata la ricreazione Live Aid nell’iconico stadio Wembley di Londra. Il primo compito era trovare un luogo vuoto adatto che fosse abbastanza grande da creare uno stadio a grandezza naturale che permettesse anche la creazione di una via senza soluzione di continuità dall’arrivo di Mercury a Wembley, al suo camerino, attraverso il backstage e sul palcoscenico per riprendere la reazione della folla. Dopo aver esplorato molte location, Haye e il suo team hanno trovato l’aeroporto di Bovingdon nell’Hertfordshire, la cui pista era abbastanza liscia da poter essere utilizzata.

Haye ha avuto l’ulteriore difficoltà nel trovare foto o disegni dello stadio nel 1985. Il progettista ha faticato a trovare qualsiasi materiale originale di com’era ai tempi del Live Aid. “Abbiamo dovuto ricreare Wembley dalle fotografie dell’epoca e dai filmati del Live Aid. Abbiamo costruito un’enorme piattaforma rialzata di circa 18 piedi in’aria, che corrisponde all’altezza del palco di Wembley al Live Aid. Abbiamo ricreato esattamente le gigantesche torri per impalcature che c’erano al Live Aid, così come tutti i manifesti e gli striscioni di grandi dimensioni.”

Altro luogo principale era la fattoria in cui vengono mostrati i Queen che registrano “Bohemian Rhapsody”. La canzone è stata infatti registrata in due luoghi, Rockfield Farm e Ridge Farm in Galles, che hanno fornito l’isolamento e la solitudine che la band richiedeva. Rockfield Farm esiste ancora come studio di registrazione e Haye ha avuto la fortuna di avere accesso a un documentario che mostra Brian May e Roger Taylor che tornano alla fattoria e rompono tutte le tracce. Inoltre, una vasta selezione di foto della band di Ridge Farm ha permesso alla squadra di ricreare fedelmente i costumi e le scene.

Haye decise di fondere le due vere fattorie in una per il film e ha trovato un luogo perfetto, un fienile di 200 anni con travi di quercia appena fuori Londra, un vero fienile pieno di cavalli, fieno e letame. Haye lo ha ripulito e lì ha progettato uno studio di registrazione davvero affascinante. Haye ha costruito anche il banco di registrazione basato su un mixer di uno studio di Notting Hill a Londra, che ha un aspetto retro-futurista.

BOHEMIAN RHAPSODY: LO SPECIALE COSTUMI DI SCENA


A lavorare al fianco di Haye per creare i costumi di scena del film sono state Julian Day e Jan Sewell. Brian May ha prestato alcuni dei suoi abiti originali, tra cui una vestaglia da tour con il suo nome sul retro, una vestaglia rossa e diverse giacche, inclusa una in velluto con un colletto lucido che indossava in diverse foto del tempo.

“Per le scene dei concerti dal vivo, abbiamo disegnato due catsuit in lycra aderenti, la catsuit in bianco e nero e la catsuit di paillettes argento che abbiamo copiato dagli originali, e abbiamo chiesto a Zandra Rhodes di disegnare l’incredibile completo bianco da pipistrello per il concerto di Budakon. La storia racconta che in origine era stato adattato da un abito da sposa che aveva disegnato di cui Mercury si era innamorato durante una visita al suo atelier.”

Uno dei costumi più audaci, la corona di Freddie e il mantello rosso che indossa nella scena della festa al Garden Lodge, è stato creato da due persone che avevano lavorato proprio l’originale. “Alcuni dei costumi sono stati posizionati leggermente fuori contesto nel film, ma volevamo includere alcuni dei suoi costumi iconici perché sapevamo che è quello che la gente voleva vedere”, aggiunge Day.

Il film si apre nel 1970 nel sobborgo londinese di Ealing, dove Freddie Mercury crebbe e finisce nel 1985, attraversando diversi continenti. Questo viaggio è raccontato attraverso i vestiti. “Per le prime scene, volevo dare più di una atmosfera anni ’60, piuttosto hippie, una sorta di sensazione di Woodstock. I colori erano più attenuati per la Gran Bretagna in quel momento. Dopo tre concerti in Gran Bretagna, il film si è trasferito in America, per quelle scene, c’è una vera atmosfera americana, un aspetto abbastanza occidentale con camicie scamosciate, frange, quadretti e cappelli da cowboy. Da lì, il film si sposta in Giappone, dove abbiamo un tono molto più colorato con riferimenti alla pop art.”

Mentre andiamo avanti nel tempo, i costumi diventano sempre più sfavillanti. Per le scene di New York degli anni ’80, quando Freddie iniziò ad esplorare i locali gay della città, Day ha studiato molte opere di Robert Mapplethorpe degli anni ’70 e il film di Al Pacino Cruising. Ha vestito il cast in pelle, gomma, denim e catene, riflettendo il tono più underground di quelle parti della città.

“Freddie era più sfarzoso negli anni ’70 ma anche molto consapevole di quello che stava dicendo attraverso i suoi vestiti”, continua Day, “e volevo dargli un po’ più di colore e splendore, che rappresentasse chi era. Ma anche se era piuttosto sfacciato, era anche piuttosto macho. È interessante giocare con questi due lati. Quando si arriva negli anni ’80, è un po’ più serio, e volevo raccontare la storia di questi cambiamenti nella sua vita attraverso i suoi abiti.”

Per il guardaroba di Brian May, Day ha mantenuto la tavolozza prevalentemente monocromatica, vestendo Gwilym Lee in neri e bianchi, mentre Ben Hardy nei panni di Roger Taylor è più colorato e dandy con molti gilet senza maniche. Il guardaroba di John Deacon è una fusione dei tre ma con un tocco britannico.

I costumi documentati, quelli che la band indossava a Live Aid e nei video, erano sia i più facili che i più difficili da ricreare. La cosa più semplice perché Day sapeva esattamente come apparivano i vestiti, difficile perché ricreare abiti veri è un lavoro spietato dato che i fan possono individuare l’errore più piccolo.

“Quando inizi a guardare i dettagli di ogni outfit, tutto diventa più complesso”, afferma Day. “La cintura borchiata che indossa Freddie per Live Aid, ad esempio, comprende due diversi set di borchie. E il gilet ha una forma particolare. Abbiamo realizzato 15 giubbotti per Rami Malek e per quelle scene, e solo poco giorni prima di girare abbiamo notato che la scollatura del giubbotto non era abbastanza bassa. Quindi abbiamo dovuto tagliare e ribilanciare tutti e 15 i giubbotti, ma quel mezzo pollice ha fatto un’enorme differenza per l’autenticità del costume. Inoltre, abbiamo riprodotto il fumetto sulla maglietta che indossa John Deacon in scena per renderlo esattamente uguale. Abbiamo anche chiesto ad Adidas di riprodurre gli stivali da boxe. È stato divertente ma anche stimolante!”.

Per quanto riguarda la festa che Freddie ospita a Garden Lodge, Day ha creato un abito che è diventato iconico – la cappa di velluto rosso con la corona e l’ermellino combinato con una giacca militare e pantaloni di pelle che erano una firma iconica del look di Mercury.

Per gli ospiti della festa, Day ha perlustrato le immagini della discoteca leggendaria di New York Studio 54 e progettato una serie di costumi stravaganti con riferimenti alla scena da discoteca degli anni Settanta, punk, cultura gay, resistenza e scena fetish underground. Una nota straordinaria da raccontare è che nessun costume è stato indossato più di una volta.

Il film racconta una storia molto umana in cui queste divinità iconiche del rock sono ritratte come individui reali. Una bella e commovente storia sul viaggio che tutti e quattro i membri dei Queen hanno compiuto. Per la redazione di Globe Styles questo è un film da non perdere!