Marni Uomo 2019: i pattern psichedelici e i maxi disegni di Bruno Bozzetto

Per la collezione maschile, Marni esplora un universo immaginario attraverso una linea di capi animati da stampe disegnate da Bruno Bozzetto. Scoprite tutti gli outfit su Globe Styles

Marni Uomo 2019 – La collezione uomo di Marni per questo autunno inverno 2019 2020 esplora un universo immaginario attraverso una linea di capi animati da stampe disegnate dal cartoonist italiano Bruno Bozzetto.

Come in un frame di Allegro non troppo, film d’animazione dell’artista del 1976, le stampe prendono vita su una selezione di capi sotto forma di serpenti, dinosauri e giovani fauni che definiscono pattern psichedelici o maxi disegni piazzati. Gli allegri motivi caratterizzano parka reversibili dalle linee oversize, t-shirt in cotone, camicie fluide e pigiami in seta.

L’ironia dei disegni dell’artista è trasposta anche su una linea di tote bag in PVC monocolore dai manici in pelle a contrasto che ritraggono creature antropomorfe amplificate. Ogni borsa è dedicata ad un personaggio specifico e lascia immaginare storie di fantasia dai tratti umoristici.

L’arte animata di Bruno Bozzetto si estende sui capi e sugli accessori muovendosi in un spazio al confine tra immaginazione e realtà, assecondando lo spirito e la visione colorata di Marni.

Con una carriera di 60 anni, Bruno Bozzetto è ritenuto uno dei cartoonists più eclettici e influenti di ieri e di oggi. Il suo stile minimalista privilegia il contenuto sulla forma, affrontando temi di carattere universale con approccio educativo e con un’ironia pungente che rendono i suoi film adatti a un pubblico giovane adulto.

Tra cortometraggi, caroselli, spot e sigle televisive, film didattici, produzioni dal vero e lungometraggi in animazione si contano dagli anni Sessanta a oggi più di 300 pellicole che gli hanno valso 130 riconoscimenti tra cui il celebre Winsor McCay Award per il contributo all’Arte dell’Animazione, 5 Nastri d’ Argento, una Laurea ad Honorem, 15 Premi alla Carriera, una Nomination all’ Oscar per “Cavallette” e un Orso d’ Oro di Berlino per “Mr Tao”.