Nuove tendenze design 2020: boundless, green e artigianalità per l’abitare del domani

Al via la prima edizione di Homi Outdoor–Home&Dehors, nuovo concept dedicato al mondo della decorazione e degli accessori per la casa da interni e da esterni. Scoprite tutte le nuove tendenze su Globe Styles

Nuove tendenze design 2020 – Piena integrazione e contaminazione tra spazi indoor e outdoor all’insegna di una sempre più marcata sensibilità ambientale e attenzione per la qualità: sono questi i trend che oggi suggeriscono l’evoluzione dell’abitare nel futuro e che sono protagonisti di Homi Outdoor – Home&Dehors, negli spazi di fieramilano.

Tre maxi trend che si integrano tra loro ed entrano in connessione, rappresentando il next step del design, con gli spazi interni ed esterni protagonisti di un dialogo sempre più stretto ed eco.

Nuove tendenze design 2020: BOUNDLESS

Cresce la progressiva contaminazione di generi e usi, stili e culture, che rende gli oggetti per interno una soluzione inedita e originale per gli spazi aperti, e viceversa. Nascono così infinite possibilità e personalità dell’abitazione.

In primis i cuscini, che di varie fogge, colori e dimensioni, decorano le sedute o le sostituiscono completamente. Oggetti di gran tendenza per dare carattere e personalità agli ambienti, soprattutto nei materiali grezzi, resistenti e adatti all’ambiente esterno.

Le tovaglie, invece, illuminano tavoli e altri elementi funzionali. Qui la varietà di stampe e cromie è pressoché infinita e a seconda del carattere da donare agli ambienti possono essere a tinte unite o minimal per un gusto equilibrato. Ma anche con ampie stampe con motivi floreali o ispirate alla natura, per un look più giocoso.

Se il re incontrastato del mondo outdoor è il barbecue, tra le novità del mondo kitchen troviamo quelle di Progetto Outdoor, che propone barbecue e braceri come Feverdesign, Redfire e Sunred che portano all’esterno il simbolo del focolare domestico per eccellenza. Oppure le soluzioni di Digiplast, distributore in Italia per brand di settore quali Arteflame e Everdure.

Sempre più protagonista dei momenti di socialità̀ e condivisione sono inoltre le lampade che creano l’atmosfera degli ambienti esterni, grazie alla moltitudine di varietà, a stelo o a bulbo, e alle tante forme classiche o contemporanee. Un ruolo centrale lo giocano infine le profumazioni, ormai di gran moda anche nei contesti open air, in un gioco di essenze e bouquet di profumi, utili anche come antidoto per gli insetti nelle calde serate estive.

Nuove tendenze design 2020: DESIGN GOES GREEN

L’approccio a una visione ecologica parte fin dalla progettazione, come nel caso di My Easy Green Design, che attraverso il supporto della realtà aumentata progetta elementi ecosostenibili, in collaborazione con il partner DFG specializzato in pergolati bioclimatici. Nel percorso espositivo si alternano soluzioni come quelle di Teraplast, che ha tra i suoi prodotti una linea di vasi di design, rigorosamente in plastica riciclata.

O come Myyour, brand che produce vasi e complementi arredo per esterno in plastica ecosostenibile. Protagonista all’interno del salone anche Adria, azienda leader nel settore per il glamping e produttrice di Mobile Homes, suite-case mobili perfettamente abitabili e realizzate nel pieno rispetto dell’ecosistema.

Ampio spazio al design da esterni, con le soluzioni di Lafuma, realtà di riferimento per il settore delle sdraio relax e di Qeeboo, società che realizza oggetti d’arredo extra-ordinari per il daily-use. Ma anche le novità di Skyline Design Italia, multinazionale di luxury outdoor furniture, in esclusiva per l’Italia a Bortoli, o Fatboy, con prodotti di design di qualità e sostenibile, come le iconiche poltrone a sacco.

Nel pieno dello spirito green senza confini si inseriscono le proposte artigianali di Fiorirà un Giardino, con materiali raffinati quali lino, abaca e latta. Oppure le tele stampate a mano dell’antica bottega Pascucci 1826, che da sette generazioni propone tovaglie e biancheria stampate con la tecnica delle matrici in legno impregnate di colore.

Nuove tendenze design 2020: ARTIGIANALITÀ

Molto più che una tendenza, l’artigianalità è un valore che appartiene tanto al passato quanto al futuro. Un approccio alla creazione sempre più ricercato. Molte le aziende che del recupero delle antiche tradizioni artigiane hanno fatto il loro punto di forza. Pianezza, storica azienda nel settore del disegno tessile, attiva con prodotti all’avanguardia della moda e del design.

Tra questi Miho Unexpected Things, con inattesi complementi di arredo come il porta-capsule per il caffè espresso all’insegna del gusto, i coloratissimi cuscini in velluto di VanillaFly o gli oggetti-icone pop ispirate ai santi di Santhonoré.

Sempre all’interno del tema handmade gli oggetti di 13 Ricrea, progetto nato da un team tutto al femminile, che ha come mission l’upcycling, con il recupero di materiali non più utilizzabili che andrebbero dispersi nell’ambiente, e che diventano risorse per creare nuovi oggetti. Così, sedute da giardino, pouf e panche riflettono la volontà di partecipare alla riduzione del carico ambientale inventando soluzioni capaci di guardare al futuro in modo divertente ed etico.

Spazio poi alle proposte rigorosamente fatte a mano della vetreria artistica Murano Design. Opere dalle forme e dai colori unici prodotte nelle fornaci muranesi, con tecniche come incalmo, filigrana e murrine, sia in classico veneziano che in stile contemporaneo.

Ma anche le ceramiche artistiche di Marcella Renna, dove il gusto grafico e la materia si fondono in forme semplici, colorate e allegre. Nel percorso espositivo trovano spazio le iconiche bottiglie flat riutilizzabili di Memobottle, nate da un progetto creativo australiano e perfette per essere portate in qualsiasi borsa, e le illustrazioni su carte di alta qualità e con un occhio di riguardo all’ambiente di Illustation, per decorare in maniera creativa ogni spazio della casa.

I giochi di forme includono gli amplificatori passivi per smartphone di Scaramaz, rigorosamente artigianali e funzionanti senza l’utilizzo di alimentazione elettrica. Infine, il progetto di Waiting for the bus, brand che riedita il bello e ben fatto del saper fare italiano. Un affascinante viaggio di recupero del più ricco artigianato italiano da Sud a Nord, che reinterpreta icone come le teste dei Mori di Caltagirone, le ceramiche di Vietri sul Mare o le creazioni in legno di Lissone.