Rubelli Casa mobili 2018: la nuova collezione Cinecittà firmata Marco Piva

Il Gruppo Rubelli ha presentato al Salone del Mobile 2018 la nuova collezione di mobili Rubelli Casa, Cinecittà, progettata da Marco Piva. Affiancano questa collezione spiccatamente contemporanea una serie di pezzi dall’anima vintage creati da Studio Rubelli.

Il Gruppo Rubelli ha presentato al Salone del Mobile 2018 la nuova collezione di mobili Rubelli Casa, CINECITTÀ, progettata dal noto architetto Marco Piva. Affiancano questa collezione spiccatamente contemporanea una serie di pezzi dall’anima vintage creati da Studio Rubelli.

CINECITTÀ by Marco Piva

Cinecittà si ispira al mondo del cinema. Gli articoli si legano a nomi di attori ed attrici che evocano icone dell’immaginario comune: personaggi che, pur cambiandosi d’abito, mantengono un’identità precisa. Il tessuto, la cura per il dettaglio e la sartorialità, DNA di Rubelli, sono i protagonisti di questi nuovi prodotti che, recuperando i valori della tradizione, si affacciano sul presente, oltrepassandolo: come artisti sul set, si vestono per interpretare i nuovi luoghi e territori dell’abitare contemporaneo.
 
Leitmotiv della collezione è l’incontro e sovrapposizione di materiali e textures, l’utilizzo di marmi e metalli, di essenze e lacche, di forme geometriche e soprattutto di linee verticali leggermente inclinate che slanciano gli oggetti, donando loro un ritrovato senso di leggerezza e libertà.

LOREN Club Chair – SOPHIA Pouf

Sophia Loren. Sensualità all’italiana
La poltrona Loren e il Pouf Sophia si caratterizzano per le loro forme morbide e delicate. La base in metallo è un tocco di eleganza e al contempo funzionale, che alleggerisce la percezione visiva dei pezzi, facendoli sembrare sospesi. Un segno grafico incide il tessuto caratterizzandolo, donandogli un senso di unicità. Poltrona con schienale alto e braccioli, pouf coordinato. Gli elementi sono stati pensati per rispondere a esigenze di comfort legate al relax, alla lettura e alla conversazione.

LOLLO Tub Chair e LOLLO sofa

Gina Lollobrigida. Icona di femminilità
La poltrona Lollo è una seduta dalle linee semplici e raffinate, caratterizzata da armoniose proporzioni e dal profilo che disegna le forme avvolgenti della seduta. Il tessuto, protagonista, si presta a farle rivestire svariati ruoli scenici e di utilizzo, inediti e contemporanei. Il metallo alla base la stacca da terra donandole leggerezza eterea.

LINGOTTO

L’età dell’oro. Il Lingotto, una forma iconica interpretata nel presente
Rivestito con Aurum – tessuto in oro zecchino e seta- ed impreziosito da inserti metallici placcati oro. La ricchezza è tale che crea di per sé un oggetto prezioso.

ROSSELLINI Coffee tables

Roberto e Isabella Rossellini
Individualità distinte, ma perfette nella loro unione. La tradizione della più raffinata lavorazione artigiana crea l’incontro tra i materiali più esclusivi di Rubelli Casa: i metalli e il Damantio, esclusivo materiale brevettato da Rubelli. I tre coffee tables ripercorrono lo stesso segno grafico proposto in diverse altezze e in morbide geometrie caratterizzate da forme leggermente stondate.

GRETA Trio

Greta Garbo. Espressività decisa
Rigore geometrico, declinato in tre altezze. I tavolini Greta creano una geometria nella geometria, dall’intersezione delle gambe che si proiettano sul piano d’appoggio, dividendolo in tre moduli, rivestiti con una combinazione di laccati e damantio, esclusivo materiale brevettato da rubelli. Un segno grafico forte che interrompe il piano e gioca sul contrasto materico. Il piano svasato permette di percepire in trasparenza la tridimensionalità e la preziosità del damantio: una lastra di resina trasparente che racchiude un tessuto tecnico appositamente prodotto nella tessitura rubelli.

RODOLFO Dining Tables

Rodolfo Valentino. Fascino magnetico
Come prismi in torsione che si elevano verso l’alto, le gambe in metallo del tavolo sono caratterizzate da un cambio di geometria che le slancia a sorreggere la monumentalità del piano, creando un elegante contrasto materico e cromatico. Carattere deciso. Solido, ma alla vista leggero. Il piano, rotondo oppure ellittico, è disponibile in granito Antique Brown oppure in un elegantissimo quarzo bianco.

B.B. Side Chair

Brigitte Bardot. Semplice e raffinata, ma con carattere
La sedia B.B. ha un importante valore tecnico, ricavato dall’utilizzo di due volumi materici distinti e antitetici. Un’elegante “cornice” in legno – lo stesso delle gambe – funge da appoggio alla seduta in tessuto che evidenzia dettagli di altissima sartorialitá. Seduta con schienale alto, ma non invasivo, senza braccioli. Forma semplice e lineare. Si accompagna ad Anita, versione con braccioli.

ANITA Arm Chair

Anita Ekberg. La Dolce Vita
Avvolgente e di impatto. La sedia ANITA unisce alla sinuosità delle forme, dettate dai movimenti del tessuto, un’alta tecnicità, che la rende adatta a molteplici usi. Il segno grafico della bordatura si pone come elemento distintivo e di stacco tra le forme. Sedia caratterizzata da schienale alto che diventa bracciolo seguendo il movimento della seduta. La durezza del legno incontra la sofficità del tessuto. Si accompagna a B.B., versione senza braccioli.

Creazioni di STUDIO RUBELLI

Accanto ai pezzi contemporanei della collezione firmata Marco Piva, vengono presentate le nuove creazioni di Studio Rubelli. Con il loro spirito vintage rievocano gli anni Cinquanta in un equilibrato mix di decorazione e design. I nuovi articoli segnano una continuità con il passato e rimandano al percorso intrapreso dall’arch. Luca Scacchetti, quando Rubelli Casa presentò la sua prima collezione di mobili in assoluto.

Oggi come allora, per tutti i rivestimenti e gli imbottiti ogni tipo di soluzione è possibile, grazie alla vastissima gamma di tessuti che Rubelli ha in collezione. Particolarmente interessante l’abbinamento di tessuti diversi in uno stesso articolo, come per la poltrona Triennale – che può diventare un divano a due o a tre posti – e la panchetta Dadamaino con la parte rigida in seta e il capitonné in velluto.

Il Damantio, esclusivo materiale brevettato da Rubelli, si conferma elemento caratterizzante distintivo. Non solo per i piani d’appoggio di tavoli e tavolini, ma anche come finitura per le cornici dei nuovi specchi che ne raddoppiano l’effetto tridimensionale.

DADAMAINO Bench

Versatile e di facile impiego. Le gambe sottili e affusolate – come quelle del Palazzo Sofa, già in collezione – contribuiscono a renderla ancora più elegante e slanciata. La parte imbottita, un leggero capitonné riletto in chiave contemporanea, poggia su una “base” rigida, leggermente trapezoidale e rivestita in tessuto. Dadamaino, che rievoca vagamente lo stile Anni ’50, ha il suo punto di forza nell’utilizzo di due tessuti: seta per la parte rigida e velluto per il capitonné.

TRIENNALE Chair e TRIENNALE Sofa 2 e 3

Poltrona ispirata al design italiano degli anni ’50, ma riprogettata con codici contemporanei. Triennale può raddoppiarsi e triplicarsi per diventare un divano. È caratterizzata da una struttura “galleggiante” sulla quale appoggiano grandi e morbidi cuscini trapuntati amovibili. Elegante e confortevole, con la sua spiccata personalità diviene protagonista in living formali e zone relax.

ASCARI Side Chair

Ascari, come Nuvolari, è una sedia da pranzo che riprende elementi che hanno decretato il successo di due poltrone di punta della collezione Rubelli Casa: il “bordo” sinuoso dello schienale della Clinton e “l’apertura” nello schienale della Barbacan. Ascari è la versione senza braccioli. Lo schienale curvilineo invita al relax. Da guadare da ogni angolazione e prospettiva per apprezzarne l’eleganza della silhouette e i molteplici dettagli di altissima sartorialità.

NUVOLARI Arm Chair

Nuvolari, come Ascari, è una sedia da pranzo che riprende elementi che hanno decretato il successo di due poltrone di punta della collezione Rubelli Casa: il “bordo” sinuoso dello schienale della Clinton e “l’apertura” nello schienale della Barbacan. Nuvolari è la versione con braccioli. Lo schienale curvilineo invita al relax. Da guadare da ogni angolazione e prospettiva per apprezzarne l’eleganza della silhouette e i molteplici dettagli di altissima sartorialità.

GILLO Mirrors

Il nuovo specchio di Rubelli Casa si presenta in due diverse forme geometriche: un ottagono irregolare e un quadrato. Il primo, ricercato nella sua forma allungata, è utilizzabile sia in verticale che in orizzontale; il secondo, essenziale nella sua regolarità, può essere ruotato a 45°: la lunghezza del lato corrisponde a quella del lato obliquo del modello ottagonale. Questa correlazione rende possibili a parete molteplici ed eleganti “combinazioni”. Il tocco distintivo è dato dalla cornice metallica al cui interno è applicato un profilo di Damantio, esclusivo materiale brevettato da Rubelli. Lo specchio fa il resto, raddoppiando virtualmente il Damantio stesso e amplificandone l’effetto tridimensionale che lo contraddistingue.

RIO NOVO Vanity Desk

Rio Novo Vanity Desk è un mobile toilette snello ed elegante nelle sue forme e proporzioni. L’intelaiatura e il piano inferiore sono in legno tinto wengé scuro oppure noce naturale, mentre il piano superiore è rivestito in pelle ed è dotato di due cassetti con pannello frontale anch’esso in pelle. I piedini e l’inserto delle maniglie sono in metallo con finitura acciaio oppure ottone satinato. Si differenzia dalla scrivania Rio Novo Desk per la ribaltina con lo specchio e le dimensioni leggermente ridotte.