The Mule: il nuovo film di Clint Eastwood

  • the mule trailer recensione

Dieci anni dopo Gran Torino, Clint Eastwood torna alla regia con The Mule, oggi nelle sale. Nei panni di Earl Stone, Eastwood racconta un’altro uomo “solo”. Scopri di più qui su Globe Styles.

Dieci anni dopo “Gran Torino”, Clint Eastwood torna alla regia con un’altra storia di famiglia, puramente americana. “Il Corriere – The Mule“, oggi nelle sale, racconta gli ultimi anni di Earl Stone, – l’altra faccia di Walt Kowalski di Gran Torino- un uomo che al tramonto della sua vita si rende finalmente conto di aver sacrificato la famiglia per il lavoro.

Oltre alla regia, Eastwood è protagonista e produttore. Sullo schermo, accanto a lui – nei panni di Stone: i colleghi Bradley Cooper, Laurence Fishburne, Michael Peña, Dianne Wiest, Andy Garcia, assieme ad Alison Eastwood, Taissa Farmiga, Ignacio Serricchio, Loren Dean ed Eugene Cordero.

Il film nasce da una sceneggiatura di Nick Schenk (“Gran Torino”), ispirata all’articolo del New York Times Magazine “The Sinaloa Cartels’ 90-Year-Old Drug Mule” di Sam Dolnick. Schenk tratteggia un uomo curioso, anche se non più giovane, ed è proprio questa sua curiosità e la schiettezza tipica della sua età a metterlo nei guai. A 90 anni, Earl Stone si ritrova al verde, da solo di fronte al fallimento della sua società. Quando gli viene offerto un lavoro che richiede semplicemente la guida di un’auto coglie l’occasione. Ed è così che a sua insaputa, Earl diventa in corriere della droga per un cartello messicano. Svolge bene il suo nuovo lavoro, talmente bene che il suo carico aumenta esponenzialmente, e gli viene assegnato un responsabile. Ma questo non è l’unico a tenere d’occhio Earl: il misterioso nuovo ‘corriere’ della droga è finito anche nel mirino dell’agente della DEA, Colin Bates.

Non essendo riuscito a ripagare i suoi cari per tutti gli anni di feste, recite, compleanni e matrimoni saltati, Earl crede di poter riacquistare le loro grazie ora che i suoi problemi finanziari appartengono al passato. E la sua generosità non si ferma solo alla famiglia, ma si estende alla sua comunità. Più denaro distribuisce, più si convince che non ci sia nulla di male a trasportare la droga. Ma gli errori cominciano ad affiorare incidendo pesantemente sulla sua vita e non si sa se Earl avrà il tempo di rimediare a quei torti prima che le forze dell’ordine, o gli esecutori del cartello, lo prendano.

Photo Credit: Claire Folger
Copyright: © 2018 Warner Bros. Entertainment Inc., Imperative Entertainment, LLC, and BRON Creative USA, Corp. All Rights Reserved.