Louis Vuitton Osaka Midosuji: la Maison apre il primo bar e ristorante con il famoso chef Yosuke Suga

Louis Vuitton annuncia l’apertura della Maison Osaka Midosuji. Scoprite tutto su Globe Styles

Louis Vuitton Osaka Midosuji – Louis Vuitton annuncia l’apertura della Maison Osaka Midosuji. Il negozio è il favoloso risultato di una stretta collaborazione tra gli architetti Jun Aoki e Peter Marino, che condividono una relazione di lunga data con la Maison francese.

Il nuovo negozio di quattro piani è stato pensato per riflettere il patrimonio culturale di Osaka, principale porto del Giappone, e mettere in risalto il ruolo sempre crescente della città come centro dei viaggi internazionali. In collaborazione con il famoso chef Yosuke Suga, Le Café V, il primo caffè Louis Vuitton, si trova all’ultimo piano della Maison Osaka Midosuji, e precede l’ingresso segreto di Sugalabo V, l’esclusivo ristorante di Suga, anch’esso all’interno della Maison.

L’architetto Jun Aoki è noto per il suo lavoro in molti negozi Louis Vuitton in Giappone e in tutto il mondo, compresa la Maison Fifth Avenue a New York. Prendendo spunto dalla storia di Osaka, città con una lunga tradizione marinara, Aoki ha immaginato una struttura bianca, leggera e ariosa ispirata al celebre battello mercantile Higaki-Kaisen e alle sue vele fluttuanti.

All’interno, l’architetto Peter Marino ha seguito le stesse ispirazioni, collegando i quattro piani del negozio sia all’atmosfera marittima sia alla cultura tradizionale giapponese.

Louis Vuitton annuncia anche una collaborazione senza precedenti con il celebre chef giapponese Yosuke Suga. La Maison Louis Vuitton Osaka Midosuji è la prima tra i negozi Louis Vuitton ad ospitare un caffè all’interno del suo spazio.

Situato all’ultimo piano di questo spettacolare nuovo edificio, Le Café V offre un menù a cura dello chef Yosuke Suga. L’ampia terrazza e il suo bar adiacente possono essere visitati sia durante il giorno che la sera.

Accanto al cocktail bar del Le Café V, una porta nascosta consente l’accesso al ristorante Sugalabo V, anch’esso ospitato all’interno dell’edificio. Nascosto dietro una porta in stile speak-easy, questo spazio esclusivo per un piccolo gruppo di commensali è aperto solo la sera e vi si accede direttamente dalla Maison.