Parigi Design Week 2020 Cappellini: la casa della Net Generation

  • Parigi Design Week 2020 Cappellini
  • Parigi Design Week 2020 Cappellini
  • Parigi Design Week 2020 Cappellini
  • Parigi Design Week 2020 Cappellini

Cappellini ha raccontato a Parigi la propria visione dell’abitare, eclettica e dirompente con due originali progetti espositivi. Scopriteli su Globe Styles

Parigi Design Week 2020 Cappellini – Cappellini ha raccontato a Parigi la propria visione dell’abitare, eclettica e dirompente, in occasione della design week di gennaio e lo fa con due originali progetti espositivi, allestiti presso gli spazi dello showroom di boulevard Saint Germain e quelli di Le Bon Marché.

In boulevard Saint Germain, Maison Cappellini ricrea le affascinanti atmosfere di un’intima dimora del VII arrondissement grazie all’allestimento curato da Valentina Folli. Classico e contemporaneità, tradizione e avanguardia si incontrano nel concept di questo appartamento pensato per una coppia giovane, dinamica e cosmopolita.

I prodotti dell’azienda sono scelti fra pezzi iconici e novità per sottolineare la capacità del marchio di creare collezioni il cui fascino non si esaurisce nella stagionalità delle tendenze. Ogni progetto ha una sua forte identità ed esprime lo sforzo creativo del designer che lo ha pensato, ma, nello stesso tempo, rivela un’evidente coerenza con il linguaggio stilistico di Cappellini.

Pranzo, living, area relax e zona notte si animano negli spazi di Maison Cappellini attraverso alcuni best seller dell’azienda firmati da Jasper Morrison come i divani compatti Orla e Superoblong Bed con le sue semplici forme morbide, la scultorea S-Chair di Tom Dixon, la Bookshelf di Shiro Kuramata e l’architettonica scrivania Radical Fake di Patricia Urquiola.

Accanto a questi grandi classici, l’azienda propone il tavolo marmoreo Dolmen e la madia El Paso, entrambi firmati da Giulio Cappellini; in anteprima assoluta, presenta anche il divano Roquebrune di Carlo Colombo.

L’atmosfera semplice, elegante e accogliente reinterpreta lo stile delle tipiche dimore parigine in cui i colori tenui e ricercati si alternano a tonalità più vive come in un’opera d’arte. Boiserie, tendaggi, tappeti e cornici richiamano il fascino delle architetture Haussmann e fanno da sfondo al rigore moderno degli elementi d’arredo di Cappellini.

A pochi passi da boulevard Saint Germain, il rinomato e selettivo department store Le Bon Marché ospita la seconda installazione firmata dall’azienda: Nendo pour Cappellini ripercorre la fortunata e prolifica collaborazione di Oki Sato con il brand di design.

In mostra, i più significativi progetti disegnati dal creativo giapponese che ha portato nell’interior design contemporaneo il tema della leggerezza e per sottolineare questo suo segno effimero, essenziale, poetico, i pezzi esposti sono tutti presentati in bianco.

Questo doppio appuntamento parigino dimostra ancora una volta la natura curiosa, poliedrica e multiculturale del marchio guidato da Giulio Cappellini. La sua vitalità viene alimentata anche da un continuo scambio con i mercati più sensibili nell’ambito dell’innovazione culturale, come quello francese.