Pennyblack campagna autunno inverno 2020: couture parigina e tailoring britannico

  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020
  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020
  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020
  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020
  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020
  • Pennyblack campagna autunno inverno 2020

Pennyblack campagna autunno inverno 2020: i look ricordano la couture parigina, mentre il tailoring è britannico di tradizione.

Pennyblack campagna autunno inverno 2020: ambientazione di charme per la nuova collezione. Le silhouette dialogano con le geometrie di un labirinto vegetale e con le forme plastiche delle statue.

Pennyblack campagna autunno inverno 2020: il video

Tra i volumi di una grande biblioteca circolano storie e conoscenze, tra una stanza e l’altra ogni dettaglio ha qualcosa da raccontare. È il luogo perfetto per intrecciare al passato una nuova narrazione, e dare radici profonde alla superficie del presente.

Couture parigina degli anni d’oro e tailoring britannico di tradizione sono le basi salde del ben vestire, contaminate con spirito eclettico per creare nuove estetiche. I cappotti hanno silhouette diritte: slim, a fiammifero, o più morbide, a caban. Giacche doppiopetto di linea scivolata si coordinano a gonne a portafoglio ben sopra il ginocchio.

Il tailleur in stuoia tweed sostituisce la giacchina girocollo con la shirt jacket. Eleganza in 3D con riflessi cangianti sul velluto crinkle dalle superfici increspate e sul tessuto moiré, per pantsuit di taglio preciso e gonna “bonbon” con fiocco e pieghe croccanti. Le tecnofibre con l’aspetto della pelle spezzano gli equilibri convenzionali.

Sahariana laminata e pantaloni slouchy si alternano a giacca aviator e gonna a matita con stampa cocco – texture di punta che torna su bomber e minigonna in lamé. I pantaloni strizzano l’occhio allo streetwear con jogger in raso e cinture annodate su vita “paper bag”. Abiti e tute hanno silhouette mosse e fluide oppure lineari, con spalle e maniche dai volumi accentuati. Maglie e piumini cocoon riscaldano l’inverno.

Doppio ruolo per le fantasie. Ad alto impatto i disegni tigrati, stampati o jacquard, e i maxi-fiori trasformati in camouflage. Sul versante classico, il ritmo frizzante dei pois e la verve geometrica del pied de poule.

Bianco e nero, rosso e cammello sono le basi assolute del guardaroba. Latte, cacao e caramello compongono una palette gourmande a tinte calde. Neutri kashà si accendono con bagliori bronzo, tocchi di azzurro fanno da contrappunto.

Protagonista la stampa cocco, su chain bag e cintura, stivali, pumps e anfibi. La cintura alta, ben stretta in vita, si conferma tratto distintivo dello styling Pennyblack. I mocassini con le nappine danno un tocco British, mentre il baschetto completa ogni outfit con la sua inconfondibile allure parisienne.

Villa Barbarigo Pizzoni Ardemani a Valsanzibio in provincia di Padova è la location scelta da Pennyblack per la campagna pubblicitaria autunno inverno 2020.

Questa dimora sorge in una posizione isolata tra le storiche ville venete ed è stata parte dei possedimenti di un’importante famiglia veneziana, i Barbarigo, che la scelse come luogo in cui trascorrere la quarantena durante la peste del Seicento facendo un voto a Dio: se fossero stati risparmiati dall’epidemia, lo avrebbero glorificato facendo erigere un’opera grandiosa. A grazia ricevuta commissionarono un magnifico giardino e affidarono il progetto all’architetto pontificio Luigi Bernini, fratello del famoso Gian Lorenzo.

Da qui nasce una fusione perfetta tra natura, arte e architettura, dove ogni elemento assume un valore simbolico e diventa tappa di un percorso ideale verso la salvezza, rappresentata dal piazzale davanti alla villa. Nel tempo, villa e giardino hanno saputo proteggere chiunque abbiano ospitato, guadagnandosi la fama di luogo salvifico.

Nelle immagini della campagna pubblicitaria appare anche il labirinto vegetale della celebre Villa Pisani a Stra, in provincia di Venezia. Con le sue alte siepi di bosso, è una sfida a riflettere sulle scelte da fare, tornare sui propri passi e non ripetere gli errori commessi. Un luogo in cui perdersi, per poi ritrovare la giusta via.