Maison Margiela Artisanal primavera estate 2018: il relaxed glamour

Per la collezione Artisanal primavera estate 2018, Maison Margiela illumina la sua continua proposta di un nuovo concetto di glamour con tessuti che creano illusioni. Scopri tutti i look su Globe Styles

Un glamour rilassato (relaxed glamour) che appare dove meno ce lo si aspetta: un lampo di luce, un’improvvisa esplosione technicolor. Per la collezione Artisanal primavera estate 2018, Maison Margiela illumina la sua continua proposta di un nuovo concetto di glamour (new glamour) con tessuti che creano illusioni.

Completamente trasformati dal flash della fotocamera del cellulare, abiti, cappotti e bustier diventano multicolor, rivelando una realtà parallela. Il direttore creativo John Galliano ricorre al riflesso e alla retrazione della luce, seducendo l’occhio con immagini nascoste attraverso un gioco di straficazioni e décortiqué.

Un abito-cappotto scuro si trasforma in un abito da sera olografico. Un esotico affresco prende vita su un abito a colonna jacquard velato di pizzo cinto da un bustier in pellicola iridescente. In movimento, i pois riflettenti di un cappotto in pellicola effetto prisma si trasformano in margherite. L’ombra di un cappotto diventa visibile sulle piume accese ricoperte da uno strato di poliuretano trasparente.

Riferimenti di un guardaroba classico si materializzano nelle costruzioni, come nel cappotto in georgette che si fonde con un giubbotto da biker in rilievo. Affermando nuovi codici della maison, il gesto di vestirsi nella fretta è catturato come un fotogramma nei tagli della collezione. Questo gesto spontaneo tipicamente femminile è da cogliersi in abiti decostruiti e cappotti, tenuti insieme da zip che li ricompongono in un singolo capo.

Appropriarsi dell’inappropriato, il glamour incoscio (unconscious glamour) si riflette ancora nei capispalla ripresi dall’abbigliamento sportivo – giacconi da sci, parka, giubbotti da biker – che si intrecciano ai tessuti della haute couture.

La gomma, materiale umile, é modellata a caldo ricalcando le trame della maglieria e scolpita come un cappotto, trovando un nuovo ambito più glamour. Negli atelier della sede storica al 163 rue Saint-Maur, l’allestimento della sfilata ospita quattro sculture commissionate da Maison Margiela all’artista americana Jessi Reaves. Le opere a forma di ottomana (divano) riconfigurano archetipi familiari e riflettono l’idea di un glamour rilassato.

“Quando la linea tra giorno e sera si confonde, il relaxed glamour diventa il dress code essenziale nella vita di ogni giorno” Maison Margiela

Materiali

Tessuti che si trasformano stabiliscono il tono olografico della collezione. Reagendo alla luce, le illusioni create su questi materiali riflettenti prendono vita quando filtrati grazie a strati trasparenti di poliuretano, PVC, pellicola effetto prisma e Perspex. Tulle trasparente, chiffon, voile e georgette fanno eco a questa tecnica, mentre il lamé simula l’iridescenza dei tessuti che si trasformano. Piume multicolor sotto il poliuretano trasparente riprendono questo effetto. Gomma modellata a caldo ad emulare la maglieria. Bustier scolpiti in vitello spazzolato. La spugna di galleggiamento per l’imbottitura di un gilet di salvataggio ricorda il glamour rilassato dei materassini per lo yoga. Rete e denim accanto a intricati jacquard e pizzo Chantilly, fondendo le proprietà dello sportswear alla haute couture.

Tecnica

Il riflesso e la retrazione della luce trasformano i capi tech, permettendo ad abiti e cappotti scuri di apparire come multicolor con il flash della macchina fotografica. Una volta stratificati a materiali trasparenti come se fossero filtri, si materializzano ulteriori effetti. Il décortiqué, termine utilizzato da Maison Margiela per definire la tecnica di ridurre un capo alla sua struttura essenziale, contribuisce a questo millefoglie, mentre stampe e rilievi sulle superfici trasparenti creano ulteriori effetti. Gomma modellata a caldo che ricorda la maglieria. Ristabilendo i codici della maison, il glamour rilassato e incoscio di vestirsi nella fretta determina il taglio e la silhouette dei look, e viene rinforzato anche dall’idea di pezzi separati, ricostruiti e decostruiti con l’utilizzo di zip.

Palette

Reagendo al flash, formazioni multicolor diventano visibili sul tessuto nero riflettente. Questa palette arcobaleno viene ripresa dalla presenza del color lime e verdi viridiani, giallo limone, velvet blu, arancio vivo e rosa acceso. Colori ed effetti atmosferici come la schiuma marina e l’iridescenza ne rinforzano l’idea.

Accessori

L’impressione di un glamour rilassato si materializza nei riferimenti e alle reinterpretazioni della gioielleria tradizionale. La cintura western nella versione in gomma. Guanti sportivi reimmaginati in gomma, mentre crinoline e tournure diventano accessori costruiti in Perspex e lacci décortiqué. Collane diamonté posate su vassoi in acetato trasparente sospesi sul corpo, come allusione al processo creativo. Diamonté appuntato alle cuffie da nuoto in PVC come fossero orecchini. Parasole in PVC fanno cenno al tema atmosferico della collezione. Cinture a catena. Ispirati all’abbigliamento di sicurezza e sportivo, le sneaker – sia alte che basse – come cenno all’altro tema ricorrente nella collezione.